governo provinciale pagina 14

Che fine ha fatto il contraddittorio?

La democrazia si nutre da sempre del confronto fra le diverse posizioni, vuoi per trovare vie di compromesso, vuoi per ribadire la saldezza delle rispettive posizioni. In questo contesto ha preso corpo lo strumento del “contraddittorio”, ovvero del dibattito fra due posizioni contrapposte fra loro, per consentire al cittadino – elettore di formarsi un’opinione la più approfondita possibile e quindi di scegliere quale posizione condividere in relazione a problemi di comune interesse.
Luca Zeni, 21 febbraio 2020

continua...


Tonini: se il Governo ha impugnato la norma regionale sui Segretari comunali è per colpa dell’arroganza della Giunta leghista

E’ di oggi la notizia che il Governo ha deciso di impugnare la Legge regionale 8/2019 contenente la riforma dei Segretari comunali. Lo scorso dicembre il Consiglio regionale, con un blitz notturno della maggioranza leghista, ha approvato un’emendamento alle legge sui segretari comunali.
Giorgio Tonini Capogruppo PD, 14 febbraio 2020

continua...


Ferrari: nomina presidente FEM: sguardo piccolo e local

La Giunta provinciale ha nominato Mirco Maria Franco Cattani Presidente della Fondazione Edmund Mach. Una nomina arrivata nonostante la disponibilità del prof. Andrea Segrè a continuare nel suo incarico; nonostante fossero presenti autocandidature scientificamente rilevanti come quella del prof. Giuseppe Valditara; e nonostante solo pochi mesi fa proprio Mirco Maria Franco Cattani si fosse candidato alla posizione di Direttore Generale della stessa FEM, senza terminare il percorso di selezione.
Sara Ferrari, 13 febbraio 2020

continua...


Manica: In Consiglio regionale non esiste una maggioranza

Quello che è andato in scena ieri nell’Aula del Consiglio regionale ci conferma ancora una volta che non esiste una maggioranza regionale. Le due maggioranze provinciali agiscono come tali anche in seno all'organo consiliare regionale.
Alessio Manica, 13 febbraio 2020

continua...


Fugatti: ''Apertura del governo sulla possibilità di ricorrere al debito per gli investimenti''. Rossi e Tonini: ''Non serve che ci ringrazi per i suggerimenti. Piena sintonia con il ministro Boccia''

TRENTO. Dopo oltre un anno di amministrazione, la Provincia a trazione Lega sembra aver recepito il suggerimento del Patt già all'indomani della tempesta Vaia. La richiesta di delega fiscale per garantire certezza alle entrate e il ricorso all'indebitamento virtuoso per finanziare gli investimenti necessari alla crescita. Sono soprattutto questi i due punti importanti, raccolti negli ordini del giorno inseriti nell'ultima manovra finanziaria.
L. Andreazza, "Il Dolomiti", 20 gennaio 2020

continua...


Itea, il ministro Boccia avvisa Fugatti: «Siamo pronti a impugnare la legge»

«Se la Giunta provinciale di Trento continuerà il percorso sulla norma che prevede di modificare i criteri per gli alloggi a canone moderato, escludendo la possibilità di accesso alle famiglie con un familiare condannato o in carcere, siamo pronti all’impugnazione, perché contrario ai principi costituzionali».
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 18 gennaio 2020

continua...


ROSSI e TONINI: «Soddisfatti per il clima costruttivo tra Governo e autonomia in materia fiscale e per i risultati raggiunti come opposizione»

Prima di Natale, nel corso del dibattito in Consiglio sulla manovra di bilancio 2020, abbiamo deciso come minoranze di fare qualcosa di molto diverso da ciò che facevano, nelle passate legislature, le opposizioni alle giunte del centrosinistra autonomista.
UGO ROSSI, Capogruppo provinciale del PATT - GIORGIO TONINI, Capogruppo provinciale del PD, 19 gennaio 2020

continua...


Approvato ODG che impegna la Giunta a darsi un obiettivo di crescita più ambizioso

Approvato nel pomeriggio all’unanimità dell’Aula l’ordine del giorno presentato dal presidente del Gruppo del Partito Democratico Giorgio Tonini che impegna la giunta ad indicare, nel prossimo Documento di Economia e Finanza provinciale (DEFP), un obiettivo programmatico di crescita del Trentino più ambizioso di quello tendenziale, e a darsi come obiettivo non la crescita media nazionale, ma quella del Nord Italia e dell’Eurozona.
Trento, 16 dicembre 2019

continua...