governo provinciale pagina 26

Le donne nei parchi non sono specchietti per le allodole

Abbiamo letto in questi giorni alcune dichiarazioni fortemente critiche sulla mediazione raggiunta in Consiglio provinciale riguardo alla presenza femminile negli organi di governo dei parchi trentini. Il tema mi è caro, e non solo perché ho contribuito a costruire la mediazione contestata, ma perché tocca uno dei tasti più sensibili e dolenti della nostra democrazia.
Donata Borgonovo Re, "Corriere del Trentino", 16 luglio 2016

continua...


Azienda senza eredi? Arriva il nuovo imprenditore

Non una staffetta generazionale, ma un nuovo modello di lavoro e cooperazione. Perché se l’azienda è senza eredi da oggi c’è la possibilità di affidarla a un giovane imprenditore. Questa in sostanza l’essenza dell’accordo firmato ieri tra associazione Artigiani, Provincia autonoma di Trento e Agenzia del Lavoro.
L. Pisani, 15 luglio 2016

continua...


Approvato il disegno di legge di Alessio Manica in materia di AGRICOLTURA SOCIALE

Il disegno di legge in materia di agricoltura sociale voluto dal consigliere provinciale del PD Alessio Manica è stato approvato oggi dal Consiglio provinciale (con 22 sì e 8 astensioni).
Trento, 14 luglio 2016

continua...


Parchi, un quarto di «quote rosa»

Via libera alla gestione provinciale per la parte trentina del Parco dello Stelvio. Con 21 voti a favore, 5 astenuti e un solo contrario (Filippo Degasperi, M5S), ieri il consiglio provinciale ha approvato il disegno di legge Gilmozzi che dà attuazione all’accordo del 2015 tra lo Stato, le Province di Trento e Bolzano e la Regione Lombardia.
C. Bert, "Trentino", 14 luglio 2016

continua...


«Solo noi possiamo governare il cambiamento del Trentino»

L’alto tasso di litigiosità registrato in maggioranza in concomitanza dei congressi non accenna a diminuire, la sintonia politica è intermittente, i rapporti personali talvolta ormai logori. Luca Zeni non pare, però, agitarsi troppo. «Se non lo governiamo noi in questa fase il Trentino, non c’è qualcun altro in grado di farlo» osserva.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 13 luglio 2016

continua...


Migranti e lavoro, al via una nuova iniziativa

Ad una quarantina di migranti, attualmente ospitati in Trentino, viene offerta la possibilità, su base volontaria, di fare un'esperienza lavorativa. Si tratta di un progetto che si propone di offrire ulteriori opportunità di integrazione ai migranti e richiedenti asilo e fa perno sul sistema dei lavori socialmente utili. I migranti potranno prestare la loro opera, gratuitamente, presso alcuni cantieri di manutenzione di aree verdi del "Progettone", nelle zone di Trento, Rovereto e in Valsugana.
Ufficio Stampa Provincia, 13 luglio 2016

continua...


Studi universitari: via d’integrazione per rifugiati e richiedenti asilo

Solidarietà, integrazione e merito. Sono i valori cardine che hanno ispirato il protocollo d’intesa tra Provincia autonoma di Trento e Ateneo trentino firmato questa mattina in Rettorato. A sottoscriverlo sono stati il rettore Paolo Collini per l’Università e l’assessora all'università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo Sara Ferrari insieme all’assessore alla salute e alle politiche sociali Luca Zeni per la Provincia. 
Ufficio Stampa Provincia, 11 luglio 2016

continua...


Zeni si appella ai medici: responsabilità

«Non è certo per un vezzo che chiediamo ai medici la disponibilità di ruotare tra i nostri ospedali, ma per garantire un servizio fondamentale come la sanità a tutti i cittadini: è così che il Trentino ha evitato lo spopolamento e così potrà avere un futuro». Così l’assessore provinciale alla salute, Luca Zeni, spiega la posizione della Provincia che ha dato mandato all’Apran di contrattare con i sindacati medici 60 giorni di trasferta all’anno all’interno della rete ospedaliera del Trentino.
A. Selva, "Trentino", 11 luglio 2016

continua...