governo provinciale pagina 18

«Aiuti dopo i licenziamenti? No» Olivi: il regolamento va cambiato

«Se si decide che l’occupazione debba essere uno dei perni attorno al quale far ruotare le politiche pubbliche di sostegno alle imprese, personalmente ritengo che occorra avere ben chiaro che tale requisito non può essere formale, bensì sostanziale».
E. Ferro, "Corriere del Trentino", 26 gennaio 2017

continua...


Commissario per sbloccare i lavori, Giunta gelida sul piano di Daldoss

Un «intervento spot», una «scorciatoia», «un obiettivo nobile, ma il metodo va verificato». La proposta dell’assessore Carlo Daldoss di nominare un «commissario straordinario» per trasformare in cantieri i lavori pubblici dei Comuni finanziati dalla Provincia ma ancora in standby (si parla di 400 milioni di euro, Corriere del Trentino di ieri) agita l’esecutivo e fa storcere la bocca ai Comuni.
M. Romagnoli, "Corriere del Trentino", 22 gennaio 2017

continua...


Richiedenti asilo: nuova disciplina di accoglienza

ZENI: "In Trentino l'accoglienza dei migranti e dei richiedenti asilo poggia su comprovati principi di solidarietà ma anche su regole chiare. Chi non le rispetta deve essere messo di fronte alle conseguenze delle sue azioni, con interventi che riducono i benefici dell'accoglienza stessa oppure la revocano del tutto".
Ufficio Stampa Provincia, 20 gennaio 2017

continua...


Blitz dei Nas, tutti promossi gli ospedali trentini

Nonostante la sanità resti uno dei temi più caldi del dibattito politico in Trentino, le cose non sembrano andare così male. Ai riconoscimenti nelle classifiche nazionali, si aggiunge il riconoscimento indiretto dei Nas. Le verifiche a tappeto fatte in questi giorni nei pronto soccorsi, anche in orario notturno, hanno dato tutte esito negativo: nulla da segnalare.
D. Roat, "Corriere del Trentino", 20 gennaio 2017

continua...


Non strizziamo l’occhio alle liste civiche, ma recuperiamo il consenso degli elettori

Bene ha fatto Olivi a rilanciare un confronto sul fenomeno “civiche”, con la massima apertura e senza indulgere in inutili schematismi. Alcune reazioni, invece, sembrano attardarsi sui soliti, vuoti riferimenti a non meglio precisate appartenenze, a schieramenti cristallizzati, ad etichettature semplicistiche, se non addirittura ad anacronistici personalismi.
Stefano Ricci, 17 gennaio 2017

continua...


Ridiamo qualità alla politica: prima i progetti, poi le persone

Questi primi giorni del 2017 sono contraddistinti dall'incalzante richiesta di lumi rispetto al futuro del centrosinistra autonomista, riguardo ai rapporti di forza che esistono o esisteranno tra i partiti di questa coalizione, in merito al dialogo che si debba o non si debba aprire con le forze civiche oggi esterne alla nostra alleanza ma che guidano, con caratteristiche tra loro dissimili, amministrazioni locali della nostra provincia.ù
Sara Ferrari, 16 gennaio 2017

continua...


«Riforma della Rsa, linee pronte. Non tratterò: l’ok c’è o non c’è»

 Per una partita che sta per chiudersi («Sul punto nascita di Cavalese invieremo a Roma tutti i documenti, vedremo se ci accorderanno altro tempo o no), un’altra è sul punto di riaprirsi: «La riforma delle Rsa è quasi pronta, abbiamo recepito alcune osservazioni, ora non sono disposto a farne oggetto di mercato: vedrò la maggioranza, o c’è il via libera o non c’è». Luca Zeni, assessore alla salute, fa il punto della situazione sui molti nodi aperti della sanità.
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 15 gennaio 2017

continua...


«Troppe diffidenze tra noi così rischiamo di perdere»

Poca visione, ma soprattutto troppe diffidenze reciproche. È severo il giudizio di Bruno Dorigatti sullo stato del centrosinistra autonomista alle prese, da giorni, con il dibattito sull’apertura ai mondi civici.
C.Bert, "Trentino", 14 gennaio 2016

continua...