governo provinciale pagina 33

Lavori socialmente utili, accordo di collaborazione tra Provincia e Consorzio dei comuni

OLIVI: “Con questo accordo accendiamo i riflettori su una storia, quella dei lavori socialmente utili, che in Trentino ha prodotto certezze per le persone e valore per la comunità e per il territorio. Oggi ci prendiamo l'impegno a destinare ai lavori socialmente utili le risorse che saranno liberamente destinate dai cittadini ai loro comuni”.
Ufficio Stampa Provincia, 27 aprile 2016

continua...


#OMOFOBIA, gli alleati restano divisi Il Pd: sì al testo. Frenano Patt e Upt

I buoni propositi sul «metodo» e la «collegialità» potrebbero solo nascondere le vere insidie per il centrosinistra autonomista, che ora sembrano spostarsi dalla contesa per la leadership nel 2018 ai punti d’attrito sul programma: a partire dal disegno di legge sull’omofobia e da quello per la doppia preferenza di genere.
S. Voltolini, "Corriere del Trentino", 26 aprile 2016

continua...


Provincia, operazione verità sui conti

È previsto per oggi il secondo round del confronto all'interno della maggioranza di centrosinistra autonomista con il presidente della Provincia, Ugo Rossi, per cercare il modo di portare a termine una legislatura traballante e con i nervi a fior di pelle. Il coordinamento del Pd ha deciso di presentare un documento politico, che sarà elaborato dal gruppo consiliare, con le sue priorità: il tema principale, che chiederà che venga affrontato, è quello che riguarda le risorse finanziarie a disposizione della Provincia oggi e nei prossimi anni.
"L'Adige", 26 aprile 2016

continua...


«A22, è mancata regia e collegialità»

«Sulle nomine in A22 quello che è mancato è una regia e un metodo collegiale nella prima fase: così la giunta regionale ha dovuto deliberare due volte, perché non era fatta carico della quota di genere, e si è arrivati alla staffetta per la presidenza, perché noi avevamo sollevato perplessità. Ora Rossi si è deciso a organizzare gli incontri di maggioranza che io sto chiedendo - inascoltato - da un anno. Speriamo che si faccia uno sforzo, d'ora in poi, per un governo più collegiale».
L. Patruno, "L'Adige", 26 aprile 2016

continua...


«A22, il potere strategico al comitato esecutivo»

La riunione di maggioranza, fissata per martedì, e l'assemblea di Autobrennero del 28 aprile, per la nomina del nuovo Cda e del presidente della società, sono gli appuntamenti «chiave», che hanno spinto il governatore Ugo Rossi a cancellare il suo viaggio in Australia, sia per cercare di rimettere in sesto la barca della coalizione e del governo provinciale, che per presidiare le dinamiche interne ai soci di A22, a fronte delle aspettative del Partito democratico, non del tutto coincidenti con l'accordo a due stretto tra lui e il presidente altoatesino Arno Kompatscher.
L. Patruno, "L'Adige", 24 aprile 2016

continua...


«I cittadini delle valli non sono di serie B»

«Dagli abitanti delle nostre montagne arriva una richiesta fondamentale: che non siano considerati cittadini di serie B». Donata Borgonovo Re ricapitola gli spunti e le critiche emerse dall’incontro di giovedì sera a Cavalese, in cui si è discusso di peculiarità e opportunità per i residenti delle montagne, sottolineando «la necessità di mantenere un equilibrio, con il sostegno dell’ente pubblico, fra sviluppo antropico e conservazione del patrimonio naturale».
F. Parola, "Corriere del Trentino", 23 aprile 2016

continua...


Rossi: «Garantirò più collegialità»

È presto per dire che le nubi di tempesta si sono dissolte, ma per lo meno da ieri lasciano intravedere squarci di sereno. Il pre-vertice di maggioranza sembra essersi concluso positivamente. Ugo Rossi ha chiesto di smetterla con i distinguo e la contesa sulla presidenza, ma ha garantito anche più collegialità.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 23 aprile 2016

continua...


A22, il confronto si sposta sulle deleghe Il Pd vuole maggiori poteri per Trento

TRENTO Il braccio di ferro tra Rossi e Olivi su Autobrennero pare destinato a cambiare obiettivo: dalla presidenza, alle deleghe. Così facendo, però, si cambierà anche tavolo, perché le deleghe sono attualmente in massima parte nelle mani dell’amministratore delegato, ruolo per il quale Ugo Rossi e Arno Kompatscher hanno deciso di confermare Walter Pardatscher.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 23 aprile 2016

continua...