governo provinciale pagina 22

Si torna in aula, il boccino è in mano ai dem

Nelle prossime settimane, sarà soprattutto il Pd a tenere in mano, nel bene e nel male, il boccino della politica trentina. Una serie di disegni di legge sostenuti in particolare dai democratici arriveranno al vaglio dell’aula e, dal loro esito, si comincerà forse a capire qualcosa in più anche dei futuri assetti in coalizione.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 4 maggio 2017

continua...


Cultura, primo sì alla riforma. Viola infuriato

Il disegno di legge che riforma il settore della cultura incassa il via libera della quinta commissione, ma la via verso la sua approvazione in Aula si complica per l’ostruzionismo annunciato da Walter Viola (Progetto Trentino). «Da questo momento useremo ogni metodo nei confronti di questo e di altri disegni di legge proposti dal centrosinistra», ha tuonato il vicepresidente del Consiglio.
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 3 maggio 2017

continua...


Doppia preferenza, in aula ad oltranza

La legge sulla doppia preferenza di genere (due sole preferenze a disposizione degli elettori alle elezioni provinciali, la seconda di genere diverso dalla prima, pena la sua decadenza, e liste composte per metà da uomini e l’altra metà da donne) torna in aula, questa volta ad oltranza, con esiti difficili da prevedere vista la mole di 5300 emendamenti, 2250 dal solo Rodolfo Borga (Civica), altri 1700 da Filippo Degasperi (M5S).
C. Bert, "Trentino", 3 maggio 2017

continua...


Dichiarazione congiunta di Alessio Manica e Italo Gilmozzi sulle dimissioni di Lucia Maestri da Presidente della V Commissione

In merito alla vicenda che ha portato al deposito delle dimissioni della Cons.a Maestri da Presidente della V Commissione del Consiglio provinciale, il Gruppo del Partito Democratico del Trentino e il Segretario del Partito, riunitisi in mattinata, esprimono solidarietà e piena condivisione per la scelta fatta.
Trento, 27 aprile 2017

continua...


Commissione, Maestri si dimette da presidente «Upt e Patt con Viola», maggioranza in crisi

«Mi dimetto e la maggioranza si assumerà le sue responsabilità». Lucia Maestri lascia la presidenza della quinta commissione al termine di un pomeriggio ad alta tensione che mina alle fondamenta il futuro stesso del centrosinistra autonomista. Il casus belli è ancora una volta la controversa riforma della cultura, divenuta ormai terreno di scontro di una più ampia partita politica orientata già alle prossime elezioni.
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 27 aprile 2017

continua...


COMUNICATO STAMPA - La riunione di maggioranza sull'iter del disegno di legge in materia di cultura

La maggioranza di governo di centrosinistra autonomista si è riunita questa mattina per approfondire assieme l'iter del disegno di legge in materia di cultura. Il confronto è stato estremamente positivo e si è ribadita ancora una volta in maniera compatta la portata strategica di questo disegno di legge per il sistema culturale trentino e per lo sviluppo sociale ed economico del nostro territorio. 
Alessio Manica, 21 aprile 2017

continua...


#CULTURA - Musei, caso politico in coalizione. Il Pd a Mellarini: serve il cda unico

La riforma della cultura diventa un caso politico in maggioranza. Dopo l’intesa informale tra l’assessore Tiziano Mellarini (Upt) e Walter Viola (Progetto Trentino) che sembrava aver definitivamente sepolto l’idea di un sistema museale guidato da un unico cda, il Pd ha chiesto e ottenuto la convocazione di un vertice di maggioranza per questa mattina.
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 21 aprile 2017

continua...


Programma di fine legislatura Il Pd: «Società, basta rinviare»

I capigruppo di maggioranza non mettono in discussione la «road map» approvata dalla giunta per il fine legislatura, ma ci aggiungono del loro. Se per Alessio Manica «la legislatura non si può chiudere senza che la razionalizzazione delle società provinciali sia completata», per Lorenzo Ossanna (Patt) vanno approvati anche disegni di legge del Patt come quello di Lorenzo Baratter «sulla memoria dei caduti della prima guerra mondiale». Gianpiero Passamani torna su una convinzione già espressa: «Vanno messe in circolo risorse per i lavori pubblici».
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 18 aprile 2017

continua...