governo provinciale pagina 60

"Pochi disegni di legge popolari. Soltanto sei in dodici anni"

L'allarme di Marini: "Scarsa partecipazione". Dorigatti: "La politica è interfaccia di una società polverizzata, in questa prospettiva di colloca il trend. Non si delega più. Su ciò è necessario fare una riflessione. La politica deve essere in grado di intercettare i bisogni della gente altrimenti i cittadini si organizzano da sé. Vogliono essere protagonisti della politica".
M. Romagnoli, "Corriere del Trentino", 18 settembre 2015
Leggi l'articolo in pdf

continua...


Questa mattina CONFERENZA STAMPA di MAGGIORANZA

La maggioranza di centro-sinistra autonomista, pur nella dialettica e nel faticoso clima imposto all’Aula da parte dalle minoranze per il reiterato utilizzo di forme ostruzionistiche che rallentano l'approvazione della norma, ha votato con soddisfazione a favore del primo articolo del ddl “Interventi di contrasto delle discriminazioni determinate dall'orientamento sessuale, dall'identità di genere o dall'intersessualità” contenente le finalità e l’oggetto del dispositivo. Scegliendo di abrogare il secondo articolo la maggioranza ha quindi deciso di sottrarre alla polemica strumentale delle opposizioni alcuni passaggi del ddl, così da concentrarsi sull’approvazione dei punti in esso più rilevanti.
Trento, 18 settembre 2015

continua...


Resa sull'omofobia, il PD blocca Rossi

"Incomprensibile". Mattia Civico boccia l'ipotetico ritorno in commissione del ddl unificato contro l'omofobia, di cui è firmatario. "Non ha senso rifare il percorso, il testo è stato già due volte in commissione e ne discutiamo da tre anni. E' una norma condivisa dalla maggioranza. Il PD quindi chiede alla coalizione di mantenere gli impegni presi". Zanella (Arcigay): "Non si può trovare un compromesso con chi dice che l'omofobia non esiste. Sulla norma l'aula è stata indegna".
S. Voltolini, "Corriere del Trentino", 17 settembre 2015
Leggi l'articolo in pdf
Leggi il DIBATTITO IN AULA

continua...


Olivi: "Statuto, una maionese impazzita"

Riforma, il vicepresidente trentino critico: "La Regione va rilanciata quale sede di decisione per le sfide in chiave europea, dai trasporti all'energia, non indebolita. Bolzano guardi avanti". Kompatscher frena sul documento riservato: "E' solo un'ipotesi di lavoro. Confronto su più livelli".
S. Voltolini, "Corriere del Trentino", 16 settembre 2015
Leggi l'articolo in pdf

continua...


#LeggeantiOmofobia, catenaccio della minoranza

La morte di Samuelle Daves, la foto «gaffe» utilizzata da Fratelli d'Italia e finita sulle pagine e sui siti di tutti i principali quotidiani nazionali, il caso dei libri dell'Arcivescovile e le lettere inviate dal sindaco di Novaledo: tutte queste notizie, per stare solamente agli ultimi tre giorni, non hanno fatto «ammettere» al centrodestra che, forse, il tema delle discriminazioni sessuali e di genere sia più attuale e importante di quello che i vari consiglieri si sono ostinati a ribadire per tutta la giornata di ieri.
"L'Adige", 16 settembre 2015

continua...


#LeggeantiOmofobia - Il Pd agli alleati: «Garantire sempre il numero legale»

 Essere molto presenti in aula per garantire il numero legale e non ripetere l’incidente che avvenne l’ultima volta, quando le minoranze chiesero la verifica delle presenze e la seduta si chiuse anzitempo. Serrare le fila, non rispondere alle provocazioni e andare avanti. È questa la linea che il gruppo del Pd si è dato, nel breve vertice di ieri all’ora di pranzo, in vista del ritorno in consiglio, da oggi, del disegno di legge contro l’omofobia.
C. Bert, "Trentino", 15 settembre 2015

continua...


Olivi: "Il Progettone strumento per rendere più bello il nostro Trentino"

“Il Progettone per noi rappresenta l’orgoglio del Trentino –ha spiegato ancora il vicepresidente Olivi – sta a noi saperlo riformare, saperlo diventare strumento di inclusione sociale ma anche di efficienza dal punto di vista delle risposte che deve dare in termini di qualificazione del nostro paesaggio e del nostro territorio”.
Ufficio Stampa Provincia 15 settembre 2015

continua...


#PROFUGHI, il Viminale chiede altri 85 posti

Portare il contingente dei profughi in Trentino da 890 a 975. La richiesta del ministero dell’Interno, attraverso il Diparimento immigrazione guidato dal prefetto Mario Morcone, guarda avanti e parte dalla necessità di mettere a punto un piano di accoglienza per altri 20 mila migranti. L'assessore Zeni: "Siamo fiduciosi, dai privati arrivano 4-5 proposte al giorno da vagliare".
C. Bert, "Trentino", 11 settembre 2015

continua...