governo provinciale pagina 74

Olivi: “Pd, un'identità per noi e per la coalizione”

Un Pd con una sua identità precisa, un'identità progressista. E' quanto chiede al "suo" PD Alessandro Olivi.  A livello nazionale, no all'idistinto "Partito della Nazione". A livello locale, no "allo sportello trentino del PD".  Il vicepresidente chiede un congresso a breve: obiettivo fare chiarezza su "dove vogliamo andare" e imprimere di conseguenza una direzione alla coalizione dove a suo giudizio cova il conservatorismo.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 6 agosto 2015
Leggi l'articolo in pdf

continua...


Intervista a ALESSANDRO OLIVI - "Rossi ha avuto troppa fretta. Dal Patt strabismo politico"

TRENTO «Il Pd? È in crisi e questo è innegabile, ma il Patt sbaglia di grosso se pensa di poterci mettere in un angolo». Arriccia il naso, il vicepresidente della Provincia, Alessandro Olivi. A neanche una settimana del rimpasto di giunta, tirando le somme, punta dritto il dito verso il partito del governatore.
S. Pagliuca, "Corriere del Trentino", 30 luglio 2015

continua...


#SCUOLA - "Tfa, assunzioni a termine per gli abilitati"

Un canale unico di reclutamento, finalizzato alle assunzioni a tempo determinato, nel quale abbiano diritto a inserirsi solo i docenti abilitati: questa è la proposta di mozione a prima firma Lucia Maestri, sottoscritta anche da Alessio Manica e da altri consiglieri della maggioranza, che il consiglio provinciale intende sottoporre alla giunta. I docenti: si apre uno spiraglio.
"Corriere del Trentino", 30 luglio 2015
Leggi l'articolo in pdf

continua...


#Not, il nuovo bando slitta al 2016

«Valuteremo le possibili opzioni, compreso lo spostamento del Not a Mattarello. Per quanto riguarda i tempi, stiamo attendendo gli ultimi approfondimenti tecnici e giuridici, per poi prendere una decisione definitiva. Per il bando ci vorranno almeno sei mesi, ma faremo il possibile per riuscire entro fine anno». Il neoassessore alla salute, Luca Zeni, che da sabato scorso ha assunto la delicata responsabilità delle politiche sanitarie e del welfare, dopo la traumatica estromissione dalla giunta di Donata Borgonovo Re per decisione del presidente Ugo Rossi, ha già iniziato ad informarsi sui principali dossier e sulle questioni più «calde» e urgenti in sospeso.
L. Patruno, 30 luglio 2015

continua...


#Occupazione. Trentino Alto Adige in controtendenza rispetto al resto del Paese:+ 2,5% dal 2008

Mentre il Fondo Monetario Internazionale avverte che per l’Italia ci vorranno forse 20 anni per tornare ai livelli occupazionali pre-crisi, il Corriere della Sera di oggi pubblica una tabella da cui risulta che in Italia si sono persi dal  2008 circa 930.000 posti di lavoro. Dalla pubblicazione emerge che il Trentino Alto Adige è l’unica regione dove i posti di lavoro sono cresciuti: + 2,5% (da 459.000 a 470.000).
Alessandro Olivi, 29 luglio 2015

continua...


Anticipazione dei crediti vantati dalle piccole imprese artigiane: maggiori possibilità grazie alla delibera di Giunta

Nella seduta odierna la Giunta provinciale su mia iniziativa, anche grazie alle recenti sollecitazioni dell’Associazione Artigiani e Piccole imprese, ha preso in esame la situazione finanziaria delle piccole imprese ed in particolare di quelle dei subappaltatori nell’edilizia. Il problema dei mancati pagamenti dei crediti da parte di imprese in difficoltà è una criticità cui la Giunta intende proporre rimedio.
Alessandro Olivi, 28 luglio 2015

continua...


«Borgonovo via, scelta elettoralistica»

Nicoletti: «Qui si deve scegliere se vogliamo portare Trentino verso standard migliori europei o verso scelte elettoralistiche fatte tre anni prima delle elezioni. Si ha avuto paura di fare le riforme e si è scelta un'altra soluzione. Si ha avuto paura di discutere prima di decidere: quello di Rossi è un segno di debolezza e non di forza».
A. Conte, "L'Adige", 28 luglio 2015

continua...


«Il bando per il nuovo direttore è la scelta che ha dato fastidio»

"Rossi nella telefonata non mi ha nemmeno ringraziata. Si parla di elementi caratteriali ma non è su quelli che si basa un progetto politico. Il piano sanitario? E' stato deciso da questa stessa maggioranza nella scorsa legislatura".
F. Terreri, "L'Adige", 26 luglio 2015

continua...