governo provinciale pagina 41

«Risparmi e nuovi assetti, ma i servizi resteranno»

Aggregare i medici di base sul territorio trentino, ricercare efficienze nell’assistenza agli anziani e far entrare la protonterapia tra le cure sostenute dal sistema sanitario nazionale. Ecco le priorità dell’assessore provinciale, Luca Zeni, per la sanità trentina che si prepara a fare i conti con un calo di risorse importante.
A. Selva, "Trentino", 13 marzo 2016

continua...


«La doppia preferenza di genere nel 2016 non resterà lettera morta»

Il disegno di legge per la doppia preferenza di genere alle elezioni provinciali è depositato dal 2014 ed «è ora che si discuta». Lucia Maestri, prima firmataria di un testo poi unificato con quello di Giacomo Bezzi, è chiara: «Non tollereremo il passaggio del 2016 a lettera morta» afferma e annuncia di voler «portare la proposta in commissione entro la fine del mese».
E. Ferro, "Corriere del Trentino", 9 marzo 2016

continua...


Il no di Tonini a una guerra tra bande

In una temperie internazionale tragica, ridurre la politica trentina a una guerra tra capitani di ventura com'era tra Medioevo e Rinascimento, significherebbe ritagliare per il Trentino lo spazio della sconfitta. Questo si legge nel pensiero di Giorgio Tonini, senatore del Partito Democratico.
R. M. Grosselli, "L'Adige", 7 marzo 2016

continua...


Caso Panizza, i Dem «Ora una verifica politica»

TRENTO «Dopo quanto avvenuto in occasione del voto di fiducia al Senato sulle unioni civili e la discussione pubblica che ne è seguita, il coordinamento provinciale del Pd Trentino mi ha dato mandato di promuovere quanto prima una riunione dei segretari politici e dei parlamentari dei partiti della coalizione di centrosinistra autonomista per una verifica politica degli impegni assunti con il patto di coalizione sottoscritto nel gennaio del 2013». Firmato: il segretario provinciale del Pd Sergio Barbacovi.
C. Bert, "Trentino", 2 marzo 2016

continua...


«Quell'ultimatum ormai è un mantra»

Il governatore Ugo Rossi non è nuovo all'uso dell'«ultimatum», come arma di persuasione, per stoppare le espressioni di dissenso. In questi ultimi giorni vi ha fatto ricorso, rivolgendosi al Patt. Ha minacciato di lasciare la presidenza della Provincia se il congresso del partito non confermerà il segretario uscente Franco Panizza, l'unico che secondo il presidente può garantire la continuità della linea politica.
L. Patruno, "L'Adige", 1 marzo 2016

continua...


Bottamedi-Kaswalder l'ennesimo strappo. PD e Upt: ora basta

La corda si è rotta: dopo gli emendamenti anti-giunta firmati con Bezzi, i casi omofobia, Marie Curie, segretari comunali, Consulta, il duo Kaswalder-Bottamedi - e i loro voti ormai sistematicamente in dissenso dalla maggioranza - smette di essere un problema del Patt e diventa un caso per la coalizione.
C. Bert, "Trentino", 26 febbraio 2016

continua...


«Aiuti: precedenza a giovani, donne, disoccupati»

Il sistema di aiuti all’imprenditoria, varato dalla giunta provinciale nel 2015, ha generato «un boom di domande e interesse». Lo ha specificato Alessandro Olivi, assessore allo sviluppo economico, che ha illustrato la delibera contenente i nuovi criteri per le agevolazioni. Il testo è stato condiviso dalla commissione con l’astensione dei componenti di minoranza (Filippo Degasperi, Massimo Fasanelli e Gianfranco Zanon). Oggi è attesa l’approvazione da parte dell’esecutivo.
"Corriere del Trentino", 26 febbraio 2016

continua...


Ferrari difende l’Isig: «Fbk lo sostenga»

FERRARI: «Le difficoltà finanziarie ci sono per tutta la fondazione, ma nessuno ha chiesto di sacrificare la parte umanistica. Quanto all’Istituto storico italo-germanico, è una risorsa importante politicamente e storicamente. Non c’è nessuna intenzione di chiuderlo. Se serve, si pensi a un contributo da parte delle attività che hanno più facilità a trovare finanziamenti esterni».
"Corriere del Trentino", 24 febbraio 2016

continua...