Partito pagina 26

Gilmozzi: Pd, anticipiamo il congresso. No di Bozzarelli

Anticipare di due settimane il congresso del Pd, fissato il 29 maggio. Lo propone Italo Gilmozzi, candidato alla segreteria, per avere un «partito di maggioranza relativa» della coalizione che sia «pienamente operativo» in mezzo alla crisi attuale in cui naviga il centrosinistra autonomista, guardando al 2018 o forse anche a una scadenza elettorale in una data più ravvicinata.
S. Voltolini, "Trentino", 18 aprile 2016

continua...


Pd e altri partiti, serve una svolta

Egregio Direttore, dire che condivido il Suo editoriale domenicale potrebbe risultare fin troppo semplice e scontato: per chi, come me, ha l'onore di svolgere un ruolo di rappresentanza politica, inoltre, potrebbe essere persino letto come ipocrita e autoassolutorio. Perché non è un plauso o un facile consenso, credo, quello che ha cercato scrivendo quella dura, durissima critica al sistema politico trentino, ma più probabilmente una presa d'atto, uno scatto d'orgoglio, qualche possibile proposta di autoriforma.
Elisabetta Bozzarelli, "L'Adige", 14 aprile 2016

continua...


Pd, Plotegher si schiera con Bozzarelli

TRENTO C’è anche Violetta Plotegher, assessora regionale, tra i sostenitori di Elisabetta Bozzarelli al congresso del Pd trentino. La firma di Plotegher è tra le 250 presentate entro la scadenza di ieri, ultimo giorno utile per formalizzare e completare le candidature. Italo Gilmozzi e Bozzarelli hanno depositato, assieme alle 250 firme massime richieste, anche le rispettive mozioni congressuali. Si apre adesso la finestra dedicata alla costruzione delle liste nei sei collegi previsti per le primarie del 29 maggio.
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 12 aprile 2016

continua...


Segreteria Pd, Andreatta non sceglie

Né con Gilmozzi né con Bozzarelli, o se vogliamo con entrambi. Alessandro Andreatta non si schiera in vista del congresso che eleggerà il nuovo segretario del Pd. E solo dopo quell'appuntamento ragionerà coi partiti del centrosinistra autonomista su verifica e eventuali ipotesi di rimpasto di giunta.
F. Gottardi, "L'Adige", 12 aprile 2016

continua...


Il Pd del Trentino riparta dall’autonomia

Forse si abusa della parola «crisi», ma è difficile non leggere l’attualità del nostro sistema politico attraverso questo paradigma interpretativo. Una crisi che parte da lontano e che ora si sta disvelando in tutta la sua evidenza. Al centro del vortice i partiti, entità politiche con un piede nel passato — in un secolo, il Novecento, che li ha visti protagonisti determinanti della scena pubblica — e con l’altro non ancora pienamente saldo sul futuro, incapaci come sono di riformare sé stessi, di immaginare una nuova forma, nuovi modelli di azione politica.
Alessio Manica, "Corriere del Trentino", 10 aprile 2016

continua...


Olivi: «Pd competitivo per il 2018»

«Autosufficienti? Non lo abbiamo mai pensato. Semplicemente siamo determinati, convinti, competitivi, forse finalmente consapevoli di essere decisivi per un centrosinistra che sia davvero degno di questo nome». Il vicepresidente della Provincia, Alessandro Olivi, risponde così al tweet del governatore Ugo Rossi che pur riconoscendo che «è giusto che ogni partito aspiri alla leadership» della coalizione e alla presidenza della Provincia nel 2018 aveva ammonito che però «nessuno è autosufficiente».
"L'Adige", 6 aprile 2016

continua...


I magistrati e la politica

Forse il presidente regionale dell'Associazione nazionale magistrati se ne stupirà, ma del suo ampio intervento sull'Adige di ieri condivido l'assunto di fondo: la legalità è un valore assoluto, mentre il principio di governabilità va contemperato con quello di partecipazione.
Giorgio Tonini, "L'Adige", 6 aprile 2016

continua...