Partito pagina 33

PD, ecco i temi

Abbiamo vissuto gli ultimi anni e mesi del Partito democratico con profonda preoccupazione. Prima le liti, poi la fase di maggiore tensione e ora una fase di evanescenza. In pochi mesi siamo passati da oggetto della cronaca più che quotidiana a sporadici interventi del Partito democratico. La preoccupazione però è data dalla sensazione di mancanza di contenuti, di proposte, di coraggio. Lo dico perché in molti sperano in un Partito sempre dinamico, attivo e propositivo nel contesto della coalizione. Un partito che non si occupi di sigle ma di temi.
Giacomo Pasquazzo, 24 novembre 2015

continua...


«Il Pd deve capire chi è»

«Chi siamo?». La domanda che pone Donata Borgonovo Re non ha un’estensione esistenziale, si riferisce al Pd del Trentino, un partito in attesa di un congresso che nessuno sembra avere fretta di celebrare. L’ex assessora, che non nasconde di potersi candidare alla segreteria, non ne fa una questione di date. «Si può farlo anche a giugno, l’importante è darsi da subito una road map per costruire le mozioni». 
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 13 novembre 2015

continua...


Errani: «Il nuovo autonomismo deve partire dai Comuni»

«Il Partito democratico deve governare una nuova fase autonomistica, fondata su un’idea alta di autogoverno e di cooperazione fra il livello regionale e quello statuale, che parta dai Comuni, cuore vero di questo rilancio». Vasco Errani definisce una nuova idea di autonomismo. L’ex governatore dell’Emilia Romagna e presidente della Conferenza delle Regioni è intervenuto ieri nel corso di un incontro organizzato dal Pd del Trentino rilanciando il ruolo degli enti locali.
A. Rossi Tonon, "Corriere del Trentino", 7 novembre 2015

continua...


Cinque ragioni per un grande partito

1) Una delle ragioni della strutturale debolezza della politica italiana è il continuo farsi e disfarsi dei partiti. Questo processo non ha eguali in Germania, Francia, UK, USA, insomma nelle grandi democrazie occidentali. A chi è utile continuare a fare e disfare i partiti? Ai singoli e ai gruppi politici che, migrando da un partito all’altro, salvano se stessi.
Michele Nicoletti, 1 novembre 2015

continua...


«Nel 2018 il Pd vuole la guida della Provincia»

«Il nostro obiettivo è quello di cominciare subito a lavorare per avere nel 2018 una leadership del Pd da proporre alla coalizione per la presidenza della Provincia: non deve ripetersi quanto accaduto nel 2013. Ce lo chiedono i nostri elettori, ancora increduli per il fatto che il partito più grande non esprima il presidente». Il professore di matematica e scienze Sergio Barbacovi ha le idee chiare.
L. Patruno, "L'Adige", 4 novembre 2015

continua...


Il Pd antidoto alla società "al singolare"

Sì è vero, stiamo attraversando una fase di trasformazione dalla società collettiva alla società dei singoli come ha scritto nei giorni scorsi il Direttore Faustini. Ancor di più, a mio avviso, si fa strada l’idea, anche in Trentino, che il governo della cosa pubblica, la polis insomma, sia questione che non debba coinvolgere più di tanto la politica ed i partiti quanto piuttosto chi è più capace di fare da solo e soprattutto in fretta. A questa situazione hanno contribuito, sia chiaro, proprio gli stessi partiti o meglio ancora una certa classe dirigente.
Alessandro Olivi, "Trentino", 23 ottobre 2015

continua...


PD, i "sostenitori" del 2 per mille vanno valorizzati

Qualche settimana fa nel corso di un'intervista al Corriere del Trentino ho avanzato l'ipotesi di vaorizzare sul piano politico il ruolo dei 549.196 cittadini che, nell'ultima dichiarazione dei redditi, hanno deciso di attribuire al PD il 2 per mille delle imposte da loro dovute. Tale ipotesi ha suscitato alcune riflessioni interessanti sul tema ad opera di Roberto Pinter, Giovanni Pascuzzi, Stefano Zambelli, Giancarlo Gallerani che esigono un chiarimento.
Michele Nicoletti, "Corriere del Trentino", 22 ottobre 2015
Leggi l'articolo in pdf

continua...


Pd, rivoluzione primarie, arriva l'albo degli elettori. Regioni, vota solo l'iscritto

ROMA. Fermi tutti, c'è un partitoda ripensare. Una commissione sulla " forma-partito" al lavoro da mesi per cambiare lo statuto. E modificare - prima di ogni altra cosa - lo strumento principe del partito democratico: le primarie. A partire da quelle regionali, che verranno riservate ai soli iscritti. Mentre per quelle nazionali si pensa a un albo degli elettori e per le primarie di coalizione, anche nelle amministrative, a una regola che consenta di candidarsi a un solo esponente del Pd.
A. Cuzzocrea, "La Repubblica", 16 ottobre 2015

continua...