Partito pagina 28

«Dem» in assemblea. Firme e preferenze i nodi ancora aperti

TRENTO Quante firme serviranno per candidarsi alla segreteria del Pd? E le liste saranno bloccate o con le preferenze, unico caso in Italia? A rispondere, dopo mesi di discussioni, è chiamata domani sera l’assemblea dei democratici. Prima, nel pomeriggio, toccherà alla commissione statuto e al coordinamento, che dovrebbero perfezionare il testo base da sottoporre all’assemblea, anche alla luce degli emendamenti presentati in settimana. 
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 28 febbraio 2016

continua...


Pd e Trentino, connessione sentimentale

 In una fase in cui il valore delle parole e soprattutto il loro significato tende a sbiadire, quando non a essere addirittura manomesso, c’è da chiedersi: cos’è oggi il “centrosinistra”? Personalmente lo considero una comunità di pensiero, aperta e popolata dai partiti ma non solo, da formazioni sociali, corpi intermedi e cittadini che si riconoscono in un Trentino della solidarietà, dell’equità, dei diritti e dei beni comuni.
Alessandro Olivi, "Trentino", 23 febbraio 2016

continua...


PACHER: "Coalizione senza visione. Così perdiamo consenso"

«Se mi chiedono di tornare in politica? Sì certo, capita. Ma no grazie, ogni storia ha un inizio e una fine». Alberto Pacher, da due anni tornato al suo lavoro di psicologo, non ci pensa minimamente, nonostante qualcuno - ad ogni scontro o scossone dentro il Pd trentino, di cui è stato primo segretario, correva l’anno 2008 - ripensi a lui e alla sua stagione di sindaco e vicepresidente della Provincia.
C. Bert, "Trentino", 7 febbraio 2016

continua...


Zeni: prima recuperiamo la credibilità

Luca Zeni, da pochi mesi entrato in giunta come assessore alla salute, non ci sta a partecipare al dibattito innescato dal vicepresidente Alessandro Olivi su chi nel Pd ha un atteggiamento «subalterno e arrendevole» e si prepara «un'altra legislatura da buoni secondi», mentre il presidente del consiglio provinciale, Bruno Dorigatti, neppure vuole sentire parlare - almeno non oggi - di primarie per la leadership del 2018.
L. Patruno, "L'Adige", 1 febbraio 2016

continua...


#CongressoPD - «Superare i personalismi»

NICOLETTI: «Il Pd deve rivendicare le cose buone fatte per il Trentino come la riforma costituzionale, che in una stagione difficilissima per le autonomie locali, rafforza la nostra specialità. E la soluzione per la concessione dell'A22, risultato del Pd e del governo del Pd. Poi cogliere l'occasione del congresso per presentare la sua idea per il Trentino».
L. Patruno, "L'Adige", 31 gennaio 2016

continua...


RASSEGNA STAMPA incontro “Un Partito per il Trentino: contributi per il rilancio del Partito Democratico”

«Prima i contenuti, poi la leadership», G. Fin, "L'Adige", 31 gennaio 2016
Responsabilità, capacità di tradurre le necessità dei cittadini in atti di governo, ma anche non delegare l'autonomia ad altre forze politiche. «Prima di parlare di leadership concentriamoci sui temi, sui contenuti e sui nostri valori». Le divergenze, almeno un po', sono state lasciate fuori dalla porta e il Partito Democratico del Trentino è sembrato trovare un visione comune sul proprio futuro e sulla strada da percorrere, da oggi fino a maggio, quando verrà celebrato il congresso provinciale.

continua...


«Primarie contro Rossi, chi l'ha detto?»

Si stanno delineando due posizioni, all'interno del Pd trentino, in vista del congresso di maggio. Da una parte c'è chi, come il vicepresidente della Provincia, Alessandro Olivi, invita il partito a organizzarsi e unire le forze con l'obiettivo di conquistare la leadership della coalizione e per la prima volta la guida della Provincia. E si dice pronto persino a lasciare la giunta per fare il segretario, se questo potrà essere utile allo scopo. 
L. Patruno, "L'Adige", 31 gennaio 2016

continua...


Congresso Pd, passo indietro di Borgonovo

«Come segretario ci serve qualcuno che non si faccia mettere i piedi in testa ma che abbia una forte esperienza di dialettica e dialogo, non la vispa Teresa che si muove in un territorio di selvaggi», riflette a voce alta Donata Borgonovo Re. Non è ancora una pax siglata dentro il Pd trentino, da anni preda di faide interne, ma è qualcosa che ci assomiglia.
C. Bert, "Trentino", 29 gennaio 2016

continua...