Partito pagina 54

#VITALIZI - Taglio dei costi della politica, la proposta del Gruppo provinciale PD

Il vitalizio, fino alla scorsa legislatura, era un diritto che la politica riconosceva a sé stessa: chi faceva almeno due legislatura era beneficiario di un assegno mensile che andava ben oltre la quota versata sul fondo previdenziale. Negli anni è dunque aumentato il numero delle persone “aventi diritto” e di conseguenza il fondo regionale che andava a garantire questo “diritto”, raggiungendo somme complessive astronomiche.
Trento, 1 marzo 2014

continua...


VITALIZI - Le reazioni nel Pd

Cogo: invito alla moderazione "pensioni dimezzate e risparmi". Filippi e Robol: "Istituire un fondo di solidarietà per le emergenze sociali". Gilmozzi: "Basta con simili stipendi che veicolano l'immagine del politico che arricchisce se stesso e non la comunità". Zeni: "Ne parleremo nei prossimi giorni sia all'interno del partito sia con l'intera comunità".
M. Damaggio, "Corriere del Trentino", 27 febbraio 2014
Leggi l'articolo in pdf! 

continua...


Gilmozzi: resto fuori dalla mischia

«Non mi candiderò alla segreteria del Partito Democratico del Trentino. Avevo fin dall'inizio chiarito che il mio ruolo sarebbe stato a termine e ritengo importante un ricambio». Ieri il coordinatore politico del Pd Italo Gilmozzi ha annunciato la propria indisponibilità a correre per la segreteria provinciale.
G. Fin, "L'Adige", 21 gennaio 2014

continua...


«Pd trentino confederato con Roma»

Il consigliere provinciale Alessio Manica non ha alcuna intenzione di farsi da parte, anche se sta dialogando con altri potenziali candidati alla segreteria del Pd trentino, convinto di avere un profilo capace di coprire aree e sensibilità, all'interno del partito, che nessun altro dei nomi in campo riesce a rappresentare e soprattutto è l'unico che parla apertamente dell'obiettivo di un «Pd del Trentino autonomo da Roma, confederato con il nazionale». 
L. Patruno, "L'Adige", 21 gennaio 2014

continua...


Il futuro del Pd è solo territoriale

All'esito delle elezioni Provinciali e in attesa di come evolverà la situazione politica nazionale, torna prepotente il dibattito su nuovi soggetti politici (o presunti tali) da adattare allo scenario politico presente e futuro con riferimento particolarmente al Partito Democratico del Trentino che a breve terrà il suo congresso per la nomina dei nuovi organismi dirigenti con il sistema delle elezioni primarie aperte. A tal proposito ritengo matura l'idea del Partito territoriale Trentino aperto al mondo autonomistico, del cattolicesimo democratico e riformista.
Luigi Olivieri, "L'Adige", 15 gennaio 2014

continua...


Tonini: segreteria Pd è Elisa Filippi la candidata naturale

«Una candidatura naturale alla segreteria del Pd c’è e che si chiama Elisa Filippi». Il senatore Giorgio Tonini è il primo big del partito a schierarsi in vista del congresso provinciale. Endorsement scontato il suo, verrebbe da dire: renziano a favore della candidata renziana. Ma il senatore rimarca l’apertura e l’equilibrio dimostrati da Filippi, e prova ad accelerare i tempi: «Facciamo il congresso a metà febbraio, insieme agli altri congressi regionali».
C. Bert, "Trentino", 15 gennaio 2014

continua...


Andreatta: «Donna giovane e preparata? Binomio vincente»

In vista del congresso Pd - primarie il 16 marzo - Alessandro Andreatta per ora non fa endorsement, ma solo ragionamenti. Ma è chiaro che il suo sostegno peserà negli equilibri che decideranno il nuovo segretario dei Democratici. I candidati papabili sono già diversi, più del necessario a detta di tutti: il coordinatore di Trento Vanni Scalfi, la coordinatrice dei comitati Renzi Elisa Filippi, il consigliere provinciale Alessio Manica, e nelle ultime ore è spuntato il nome di Giulia Robol, assessore comunale a Rovereto.
C. Bert, "Trentino", 13 gennaio 2014

continua...


Il Pd della Bassa Valsugana incontra i Giovani Democratici del Feltrino

La mattina del 14 dicembre una delegazione del Circolo PD della Valsugana orientale e Tesino, guidata dal segretario Giacomo Pasquazzo, ha incontrato ad Arsiè una delegazione dei Giovani Democratici del Feltrino, per una prima condivisione di proposte e iniziative comuni alle due realtà. Alla base dell’incontro la consapevolezza di una forte affinità geografica e di una storia comune fatta da legami politici (anche di dominio), economici e commerciali.

continua...