welfare e salute pagina 6

Alessio Manica interroga: qual è la posizione della Giunta sul tema dell'agricoltura sociale? C'è la volontà di rendere operativa questa legge?

Con la legge provinciale 21 gennaio 2015, n. 1, successivamente integrata dalla legge provinciale 21 luglio 2016, n. 12 sono state inserite nell'ordinamento provinciale delle disposizioni in materia di agricoltura sociale.
Trento, 27 marzo 2019

continua...


Famiglia, prove di dialogo

Forse scandalizzerò più di qualcuno, dalla mia parte e dall'altra. Ma sono abbastanza vecchio per potermelo permettere e soprattutto per sentire il dovere di farlo. Penso che, in un mondo ideale, i due fronti che si sono contrapposti, lo scorso fine settimana a Verona, si siederebbero attorno ad un tavolo e cercherebbero insieme un punto d'incontro. Sapendo che solo così si può fare davvero qualcosa.
Giorgio Tonini, "Trentino", 2 aprile 2019

continua...


Approvata la Mozione Olivi per valorizzare le competenze dell’Autonomia ed utilizzare le eventuali risorse risparmiate per il welfare trentino

“La mia mozione da un lato difende orgogliosamente l’impianto autonomistico, dall’altro coordina l’intervento statale con l’assegno unico provinciale perché le risorse finanziarie che dovessero rendersi di nuovo disponibili nel bilancio della Provincia – alcuni milioni di euro oggi utilizzati per l’assegno unico provinciale – non vengano distolte dal welfare, ma rafforzino l’aiuto alle persone non con contributi ma attraverso i servizi forniti dall’Agenzia del lavoro e dai soggetti del Terzo Settore”.

continua...


COMUNICATO Sara Ferrari: Con l’incontro pubblico “Donne e uomini" la Giunta non fa approfondimenti e non propone confronti, cerca solo conferme ai propri pregiudizi

Sara Ferrari, per conto del Gruppo consilare provinciale del Partito Democratico, interviene sul convegno promosso dagli assessori Segnana e Bisesti: "Con l’incontro pubblico “Donne e uomini" la Giunta non fa approfondimenti e non propone confronti, cerca solo conferme ai propri pregiudizi."
Trento, 11 marzo 2019

continua...


Assegno unico, la giunta taglia. Olivi: "Una riforma che sottrae opportunità e si appiattisce sulle misure nazionali"

Assegno unico, la giunta Fugatti taglia. Dal 1° aprile sarà soppressa una delle novità introdotte lo scorso anno, ovvero l'incremento della quota di sostegno al reddito per coloro che esauriscono il periodo degli ammortizzatori sociali, la Naspi o l'indennità di disoccupazione riconosciuta ai cococo. 
"Trentino", 27 febbraio 2019

continua...


«Possibile boomerang per le mamme»

«Non una misura negativa in assoluto, ma rischia di aumentare il gap occupazionale tra donne e uomini». Il consigliere provinciale Pd Luca Zeni, già assessore alle Politiche sociali, critica la misura della giunta Fugatti che estende a tre anni la possibilità per il neo-genitore che si dedica alla cura del figlio di vedersi pagati dalla Provincia i contributi previdenziali.
F. Peterlongo, "Trentino", 14 febbraio 2019

continua...


Il Trentino primo in Italia, prima ancora del parlamento, a stabilire il principio che una famiglia povera deve aspettare dieci anni per avere un aiuto

Il Trentino ora governato dalla Lega ha introdotto, con un emendamento approvato nottetempo senza alcun confronto, la clausola dei dieci anni di residenza per l’accesso all’assegno unico provinciale. Un vanto del nostro welfare è diventato motivo di vergogna per l’Autonomia. 
Giorgio Tonini, 9 febbraio 2019

continua...


Mamme a casa con i figli: il nuovo welfare leghista

Ma che tipo di welfare vogliamo in Trentino? Se lo sono chiesto i sindacati commentando (anzi, criticando) la decisione della giunta Fugatti di prevedere una copertura previdenziale per chi - mamma o papà, lavoratori dipendenti o autonomi - decide di astenersi dal lavoro per dedicarsi alla cura del figlio nei primi tre anni di vita.
L. Petermaier, "Trentino", 12 febbraio 2019

continua...