welfare e salute pagina 23

Tumori pediatrici nei Lea, Zeni pressa Roma

Missione romana per l’assessore Luca Zeni: l’obiettivo è sollecitare l’inclusione dei tumori pediatrici tra le patologie curabili con la protonterapia con la copertura del servizio sanitario nazionale, inserendo i trattamenti tra i Lea, i livelli essenziali di assistenza. Ma a Roma Zeni andrà anche per cercare una soluzione alla deroga sulla chiusura dei punti nascita di valle. 
M. Romagnoli, "Corriere del Trentino", 8 marzo  2016

continua...


Chaouki: «Inaccettabile chiudere le frontiere»

Trento «La chiusura delle frontiere è inaccettabile». Il deputato del Pd Khalid Chaouki, ieri ospite del Partito Democratico del Trentino e protagonista assieme a Maria Chiara Franzoia, Michele Nicoletti e Luca Zeni di un incontro sui problemi e le opportunità legati all’immigrazione, si è espresso contro «l’egoismo di certi Stati». 
M. Romagnoli, "Corriere del Trentino", 6 marzo 2016

continua...


«Grazie al Trentino, qui finalmente abbiamo pace»

“Siamo stati 4 anni nel campo profughi di Tel Abbas, in Libano, sempre con la paura addosso. Siamo qui in Trentino da due giorni e finalmente, dopo tanto tempo vissuto in condizioni difficili e precarie, qui respiriamo, dormiamo sereni. Abbiamo trovato persone che ci vogliono bene qui in Trentino, persone che ci aspettavano, pronte ad accoglierci. Grazie a tutti.”
M. Di Tolla, 3 marzo 2016

continua...


Strappati alle bombe dalla solidarietà

La vita ricomincia per 29 siriani, undici adulti e diciotto bambini arrivati ieri a Trento con il"corridoio umanitario" Nel lunghissimo viaggio i profughi sono stati accompagnati dal consigliere Mattia Civico e da alcuni volontari trentini: «Hanno vissuto anni terribili, hanno perso tutto. Ricominceranno da qui. Da noi. Una comunità che accoglie è una comunità che mette al sicuro la propria stessa umanità». 
U. Cordellini, "Trentino", 1 marzo 2016

continua...


Dopo Flor, gli aspiranti sono 93 Lucia Borsellino in commissione

TRENTO I candidati alla direzione generale dell’azienda sanitaria dopo l’addio di Luciano Flor sono novantatré. Il dato è aggiornato a ieri, quando la giunta provinciale ha nominato la commissione che dovrà valutare il curriculum degli aspiranti selezionando entro la fine di marzo i profili migliori. Da tale rosa, la giunta provinciale sceglierà il nuovo direttore. 
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 23 febbraio 2016

continua...


«Ritorno al passato che può alimentare la xenofobia»

La decisione di chiudere le frontiere è un ritorno al passato. Ne è convinto il presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti: «Oggi tutto questo viene messo frettolosamente in discussione e così le idee di sviluppo, di crescita solidale e di reciprocità rischiano di andare in frantumi, lasciando solo una pericolosa scia di conseguenze capaci di alimentare ulteriormente il demone dei nazionalismi e delle xenofobie».
"Trentino", 18 febbraio 2016

continua...


Contro il nuovo muro una catena umana «Vogliamo un Brennero che unisce»

Un secco «no» ai muri, a quelle barriere che l’Austria ha deciso di ripristinare al Brennero e lungo gli altri passi di confine. Un «sì» convinto, invece, all’Europa e all’Euregio. Questo il senso dell’appello promosso e sottoscritto dai consiglieri regionali del Partito democratico, da esponenti del mondo sindacale, associativo e culturale, della società civile e da singoli cittadini.
V. Leone, "Corriere del Trentino", 18 febbraio 2016

continua...


Appello/Comunicato - Un BRENNERO che unisce

Buongiorno a tutti,
L’appello contro la costruzione di una barriera al confine del Brennero che trovate di seguito è stato sottoscritto dai consiglieri regionali del Partito Democratico, da esponenti del mondo sindacale, associativo, culturale, della società civile, e da singoli cittadini.
Trento, 17 febbraio 2016

continua...