news nazionali pagina 15

Mdp, Nicoletti cauto: «Non è tutto deciso»

L’annuncio non è passato inosservato. E non poteva essere altrimenti: all’indomani delle prospettive tracciate da Fabiano Lorandi sulle intenzioni di Mdp per le prossime Politiche («La lista unitaria di Mdp, Sinistra italiana e Possibile si presenterà in tutti i collegi, sia della Camera che del Senato»), il centrosinistra autonomista guarda ai movimenti a sinistra con più attenzione. E, in alcuni casi, con una certa preoccupazione.
"Corriere del Trentino", 26 novembre 2017

continua...


«Alleanza a sinistra, bisogna provare fino all’ultimo»

 «Bisogna fare di tutto per provare a vedere se ci torna la voglia di lavorare insieme». Italo Gilmozzi lo chiarisce subito: «Io — dice il segretario provinciale del Partito democratico — la penso come Fassino».
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 21 novembre 2017

continua...


Piero Fassino a Trento per conto di Renzi. Incontro con Dellai e con i Verdi: "Unire il centrosinistra per vincere le elezioni''

L'ex segretario dei Ds Piero Fassino, l'ex sindaco di Torino, il pontiere incaricato da Renzi che dovrà convincere le anime del centrosinistra a raggrupparsi per vincere le elezioni di inizio primavera è arrivato a Trento. Ufficialmente per presentare il suo libro, "Pd davvero", ma nel suo viaggio trentino mette a segno una doppietta niente male. 
D. Baldo, "Il Dolomiti", 18 novembre 2017

continua...


Prove di coalizione: Dellai vede Guerini

L’indicazione emersa durante l’ultima direzione del Pd era chiara: ricompattare e allargare. Per farlo, il segretario Matteo Renzi, che ieri con il suo treno «Destinazione Italia» ha fatto tappa anche in Trentino, ha nominato due «messaggeri di pace»: Piero Fassino, per l’ala a sinistra del Pd, e Lorenzo Guerini, per i centristi. Così non stupisce che tra i primi a essere chiamati al tavolo delle nuove alleanze ci sia stato Lorenzo Dellai.
S. Pagliuca, "Corriere del Trentino", 16 novembre 2017

continua...


Asse forte Pd-Patt per blindare ancora Tonini a Roma

Il segretario del Pd Matteo Renzi nella sua visita in regione ha confermato la natura del centrosinistra autonomista, a tre punte (con Upt e Patt), ma non ha aggiunto nulla sulle poltrone, ovvero sui collegi, per un semplice fatto: i nomi e gli incastri sono lungi dall'essere fatti.
G. Tessari, "Trentino", 16 novembre 2017

continua...


Renzi riparte da Patt, Dellai, Svp

«Discuteremo e ragioneremo di alleanze. Continueremo a dialogare con chi ha lavorato con noi». L’ex premier Matteo Renzi apre a Dellai, Patt e Svp. «Cercheremo di fare accordi necessari, partendo dai contenuti» dice il segretario del Pd al termine del suo pomeriggio in provincia. «Il ruolo del Trentino è quello di essere aperto al cambiamento e allo stesso tempo maestro di valori». Renzi arriva in Trentino con il treno di «Destinazione Italia».
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 15 novembre 2017

continua...


Renzi: sì all'intesa con Upt e Patt

«Sì, cercheremo di fare accordi con i partiti con cui abbiamo governato». Dalla tappa trentina del suo tour in treno nell'Italia dell'innovazione, il segretario del Pd Matteo Renzi non va oltre un - atteso per non dire scontato - rilancio dell'alleanza di centrosinistra autonomista con Upt, Patt e Svp.
C. Bert, "Trentino", 15 novembre 2017

continua...


Renzi, doppia fermata in Trentino

Prima fermata a Rovereto, seconda a Mezzocorona. Il treno del segretario nazionale del Pd Matteo Renzi oggi fa tappa in regione. E, per quanto riguarda il Trentino, toccherà la città della Quercia (e il polo della Meccatronica) e poi la piana Rotaliana (con visita al bicigrill di Faedo). Per finire il suo viaggio in Trentino Alto Adige a Bolzano.
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 14 novembre 2017

continua...