Archivio notizie pagina 56

#LAVORO: un 2017 in forte crescita, bene soprattutto le donne e i giovani

Il 2017 è stato un anno molto positivo per il lavoro in Trentino. I dati di Agenzia del lavoro e quelli Istat sono sostanzialmente concordi: è cresciuta l'occupazione, in maniera particolare quella femminile e dei giovani, si è ridotta la disoccupazione, ed anche il ricorso agli ammortizzatori sociali. Le politiche del lavoro provinciali hanno funzionato, favorendo l'assunzione di oltre 500 persone e la conservazione del posto di lavoro di altre 500 (impiegate in aziende in difficoltà).
Ufficio Stampa Provincia, 16 marzo 2018

continua...


Settore socio-assistenziale, approvato il regolamento in materia di autorizzazione, accreditamento e vigilanza

Qualità dei servizi socio assistenziali, cambiano le regole. Su proposta dell’assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni, la Giunta provinciale ha infatti approvato il nuovo regolamento in materia di autorizzazione, accreditamento e vigilanza dei soggetti che operano in campo socio-assistenziale.
Ufficio Stampa Provincia, "Corriere del Trentino", 16 marzo 2018

continua...


Borgonovo Re torna in ateneo. In ottobre non si candiderà «Ma manterrò la presidenza»

La notizia era nell’aria. Alimentata da voci e da indiscrezioni lasciate a metà. Ma anche da qualche mezza «ammissione» della diretta interessata rivolta a chi, nel partito, le chiedeva spiegazioni. Ora, però, la decisione sembra essere presa: Donata Borgonovo Re, consigliera provinciale del Pd e presidente del partito, non si candiderà alle elezioni provinciali del prossimo ottobre. La comunicazione — questa volta ufficiale — è arrivata nella riunione del consiglio di facoltà di Giurisprudenza convocato la scorsa settimana.
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 16 marzo 2018

continua...


Assegno unico, 4.000 in più

L’assegno unico aggiorna la fotografia sulla condizione dei trentini. Il numero di beneficiari crescerà, lo ipotizzano le stime della Provincia, ma tale incremento si potrà spiegare solamente in parte leggendo il dato con la lente fornita dai numeri e dagli interventi sugli indicatori fiscali. Alessandro Olivi ne è convinto. Secondo il vicepresidente della Provincia, dei 4.000 nuovi trentini che usufruiranno di un sostegno al reddito metà verrà intercettato per mezzo dell’innalzamento della quota Icef, passata da 0,13 a 0,16, ma l’altra metà arriverà grazie alla capacità dell’assegno unico di attenuare il timore di «stigmatizzazione».
"Corriere del Trentino", 15 marzo 2018

continua...


L'Autonomia come rendita di posizione

I più recenti contributi prodotti da autorevoli analisi dell'esito elettorale, spingono a qualche modesto apporto di riflessione, sia sul piano istituzionale, come su quello più strettamente politico, nel pieno rispetto di un esito che è testimonianza dell'ancora evidente vitalità della democrazia.
Bruno Dorigatti, "Trentino", 15 marzo 2018

continua...


Pd, lo stop di Roma: «Niente congressi locali»

Niente congressi, state sul territorio. Dal Pd nazionale arriva un altolà alle segreterie locali. «Caro segretario, con la direzione nazionale di lunedì si è aperta una fase straordinaria, di analisi e riflessione, all'indomani dell'esito negativo consegnatoci dal voto del 4 marzo», scrivono in una mail recapitata ieri a tutti i segretari regionali il vicesegretario Lorenzo Guerini e il responsabile organizzativo Andrea Rossi.
C. Bert, "Trentino", 15 marzo 2018

continua...


#ROVERETO - Il Pd dopo la batosta: ripartire dai territori

l voto è stato uno choc, ma il Pd si attrezza per ripartire. La riunione del direttivo del Circolo di Rovereto, convocata lunedì sera dal segretario Carlo Fait, è stata principalmente dedicata proprio all'analisi del voto del 4 marzo.Come ha osservato il consigliere provinciale Alessio Manica, che è intervenuto al direttivo, neppure gli addetti ai lavori (politici, giornalisti, opinionisti, analisti) hanno saputo prevedere il risultato trentino, che ha premiato la destra e il M5S.
"Trentino", 15 marzo 2018

continua...


Ora la politica deve aprire le orecchie al disagio

Il 4 marzo è iniziata la Terza Repubblica. La Prima Repubblica, costruita su conventio ad excludendum e influenzata dalla «guerra fredda», non ha retto all’azione della Procura di Milano all’inizio degli anni ’90 e ha lasciato il posto alla cosiddetta Seconda Repubblica, nata sulla contrapposizione tra i sostenitori di Silvio Berlusconi e i suoi avversari.
Gabriele Hamel, "Corriere del Trentino", 14 marzo 2018

continua...


Lavoro in Trentino: nel 2017 crescono gli occupati e cala il tasso di disoccupazione

Olivi: "I dati sul mercato dell'occupazione continuano a migliorare. Alla soddisfazione dobbiamo ora unire lo sforzo per migliorare la qualità del lavoro e gli interventi di protezione sociale per i più deboli".
Ufficio Stampa Provincia, 14 marzo 2018

continua...


«Vaccini, abbiamo applicato la legge»

L'assessore Luca Zeni difende la linea della Provincia dalle critiche di Ricciardi (Iss). "Abbiamo sempre sostenuto la linea dell'obbligatorietà" sottolinea Zeni, che definisce la decisione di allineare l'avvio degli iter di esclusione a maggio "una questione giuridica, ma anche di equità". 
"Corriere del Trentino", 14 marzo 2018

continua...


Export, Trentino da record nel 2017

Nel 2017 il valore delle esportazioni trentine di merci è risultato pari a 3.6 miliardi di euro, segnando un aumento dell'8,7% rispetto al 2016. Si tratta del valore più alto mai raggiunto per le esportazioni dalla provincia di Trento.
"Trentino", 14 marzo 2018

continua...


Trentino, poche sindache e consigliere. Nel Nordest fa peggio solo l’Alto Adige

In politica la doppia preferenza non serve? A guardare i dati della rappresentanza femminile in un’ottica di parità di genere nei consigli comunali in Italia, e nel Nordest, non si direbbe. Mentre in Trentino Alto Adige la rappresentanza delle donne nei Comuni non arriva a sfiorare neanche il 30%, nelle altre regioni è sensibilmente aumentata grazie alla legge che la prevede dal 2012.
L. Pisani, "Corriere del Trentino", 13 marzo 2018

continua...


Capoluogo, la maggioranza rilancia: «Più attenzione alle piccole cose»

Parola d’ordine: fare più attenzione alle piccole cose. Intervenendo «in modo più concreto» nelle questioni quotidiane. E cercando di dialogare di più con i cittadini.
Mentre a livello provinciale il centrosinistra autonomista attende gli sviluppi in casa Pd e Upt per mettersi attorno al tavolo e analizzare la debacle di domenica scorsa, a Palazzo Thun la coalizione guidata dal sindaco Alessandro Andreatta ha «anticipato i tempi».
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 13 arzo 2018

continua...


Gli italiani sono stati chiari, il PD non deve governare

L'esito del voto è chiarissimo e il messaggio degli italiani è quello che il Partito Democratico nella prossima legislatura "non deve toccare palla" , non deve governare.
Ci sono due vincitori , uno più nordista , il Centrodestra con primo partito la Lega e uno più sudista il M5S; semplificando, premiata la flat tax (tassa uguale per tutti, ricchi e poveri), e "prima gli italiani", e premiato il reddito di cittadinanza quale risposta alla disoccupazione!
Anna Pironi, http://www.news.giudicarie.com, 12 marzo 2018

continua...


«Basta con le rivendicazioni localistiche. Bisogna recuperare un senso collettivo»

Luca Zeni rifugge ogni tipo di semplificazione. Nel bailamme di attacchi e accuse incrociate che in questi giorni avvelena il clima nella coalizione di centrosinistra autonomista, l’assessore provinciale alla sanità preferisce allontanare gli slogan per provare ad analizzare il quadro attraverso un ragionamento più articolato.
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 10 marzo 2018

continua...


pg. 56 di 458