news nazionali pagina 22

La mia settimana a Roma

Martedì ho incontrato una Delegazione di parlamentari ucraini in visita ufficiale in Italia. E' stata una utile occasione per discutere dei rapporti tra i nostri due Paesi e del conflitto tra Ucraina e Russia, che rappresenta una delle dispute di politica internazionale più preoccupanti.
Michele Nicoletti, 24 luglio 2015

continua...


A Roma - L'approvazione della 'BUONA SCUOLA'

La Camera ha approvato in via definitiva il disegno di legge di riforma della scuola, presentato dal Governo il 27 marzo  2015. Il provvedimento intende disciplinare l'autonomia delle istituzioni scolastiche dotando le stesse delle risorse umane, materiali e  finanziarie, nonché della flessibilità, necessarie a realizzare le proprie scelte formative e organizzative.
Michele Nicoletti, 10 luglio 2015

continua...


L'intervento in Senato di GIORGIO TONINI, a nome del Gruppo Pd, sul valore delle Autonomie speciali

TONINI (PD): "Signora Presidente, il Partito Democratico voterà con convinzione a favore di questa proposta di revisione dello statuto della Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia, e lo farà anche perché ritiene che le autonomie speciali, e in particolare quella del Friuli-Venezia Giulia e quella del Trentino-Alto Adige, le due grandi autonomie del Nord-Est italiano, siano esperienze di successo per l'Italia e - mi faccia dire, Presidente - anche per l'Europa.
7 luglio 2015

continua...


Camera, codice etico per i deputati, ma la stretta sui regali slitta ancora

Un articolo pubblicato su Il Messaggero (D. Pirone 01.07.2015) relativo alla proposta, avanzata da Michele Nicoletti, di modificazione al Regolamento della Camera volta all'introduzione di un Codice etico per i deputati.
Vuoi vedere che i deputati, proprio loro, provano a lanciare un messaggio di correttezza agli altri italiani? O siamo di fronte all’ennesimo ”facite ammuina” come dicono a Napoli, ovvero al gioco delle tre carte per cui alla Camera si predica bene ma si razzola male? Lo scopriremo nel giro di qualche settimana.

continua...


A Roma, in Turchia e a Trento - La settimana di MICHELE NICOLETTI

A Roma
La Camera ha approvato il Decreto "Rilancio dei settori agricoli in crisi e razionalizzazione delle strutture ministeriali", un pacchetto di misure urgenti per il rilancio dei comparti strategici del latte, dell'olio e della pesca, per aiutare i conduttori agricoli colpiti dalle alluvioni del 2014-2015 e per razionalizzare la macchina amministrativa destinata al sostegno del settore primario.
Michele Nicoletti, 19 giugno 2015

continua...


Statuto, 40 giorni per trovare l'intesa con Roma

Ieri Rossi e Kompatscher hanno incontrato, assieme agli altri rappresentanti delle autonomie, il sottosegretario agli Affari regionali Gianclaudio Bressa a Roma per discutere della modifica del Titolo V che impone anche alle Regioni e alle province a statuto speciale un adeguamento. Il risultato: l'istituzione di una commissione di lavoro incaricata della stesura entro Ferragosto di un disegno di legge costituzionale. Bressa: "La revisione costituzionale delle specialità è particolare. Sancire definitivamente il meccanismo pattizio definendone la procedura applicativa è l'imperativo alla base dell'istituzione della commissione".
M. Romagnoli, "Corriere del Trentino", 19 giugno 2015
Leggi l'articolo in pdf!

continua...


A Roma

Mercoledì si è svolta a Roma la riunione del Bureau del Gruppo socialista all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, del quale faccio parte. Come Gruppo parlamentare del PD abbiamo ospitato questo appuntamento per confrontarci sul ruolo che i socialisti possono e devono esercitare in Europa, sulle politiche da perseguire e sulla collocazione del PD in chiave sovranazionale. Considerate le interdipendenze politiche, economiche e sociali tra gli Stati, una riflessione in chiave europea e il rafforzamento delle cooperazioni interparlamentari risultano necessarie e non più eludibili.
Michele Nicoletti, 5 giugno 2015

continua...


Renzi ha vinto, i masochisti no

Non c'è un solo capo di governo, in Europa, che non avrebbe firmato ad occhi chiusi per un risultato come quello che ha ottenuto, alle regionali italiane, Matteo Renzi. Il leader del Pd è riuscito infatti a mantenere intatta e anzi a rafforzare la schiacciante supremazia dei democratici nel risiko dei governi regionali: grazie ad un 5-2 con il quale il centrosinistra ha ceduto al centrodestra una regione importante (ma piccola) come la Liguria, mentre ne ha conquistata una non meno importante (ma grande e popolosa), come la Campania.
Giorgio Tonini, "L'Adige", 2 giugno 2015

continua...