news nazionali pagina 4

Referendum. E adesso?

Il giorno dopo il referendum in Veneto e Lombardia è tutto un profluvio di dichiarazioni. A scorrerle viene da sorridere per il modo plateale con cui ognuno tira acqua al suo mulino e prova a mettere il cappello sul risultato. È normale, per quanto irritante. I referenda erano giuridicamente inutili. Tutto ciò che i quesiti chiedevano è già possibile in base alla costituzione (e per Belluno in base allo statuto regionale).
Francesco Palermo, "Trentino", 24 ottobre 2017

continua...


«Zaia, il Veneto non è Trento»

Gianclaudio Bressa si destreggia tra interviste e impegni. Ma mantiene calma e cortesia. Il giorno dopo i referendum consultivi in Lombardia e Veneto per ottenere maggiore autonomia (con la scontata vittoria dei «sì»), il sottosegretario per gli Affari regionali definisce subito «positivo» il segnale lanciato dagli elettori attraverso un’affluenza importante soprattutto in Veneto.
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 24 ottobre 2017

continua...


Austria, la Volkspartei festeggia con Kurz. Allarme nel Pd: buoni rapporti a rischio

Reazioni contrastanti in Alto Adige all’indomani del voto austriaco. L’Svp, in particolare l’Obmann Philipp Achammer, esulta per la vittoria di Sebastian Kurz. Festeggiano anche i Freiheitlichen dato che la Fpö di Strache si è rafforzata e potrebbe andare al governo. A sinistra invece l’umore è nero. Sia tra i verdi, che in Austria rischiano di rimanere fuori dal Parlamento, sia all’interno del Pd dove si temono soprattutto le conseguenze sui rapporti italo-austriaci.
M. Angelucci, "Corriere del Trentino", 17 ottobre 2017

continua...


Avanti sulla strada della crescita

La dichiarazione di voto di Giorgio Tonini a nome del Gruppo PD al Senato sulla risoluzione relativa alla Nota d’aggiornamento al DEF.
TONINI (PD). "Signor Presidente, signori rappresentanti del Governo, colleghi senatori, all'inizio di questa seduta lei ci ha ricordato che tra pochi minuti dovremo esprimere due voti, il primo dei quali è di assoluto rilievo costituzionale, nonché nella collocazione internazionale ed europea dell'Italia".
Roma, 4 ottobre 2017

continua...


Primarie M5s, Fraccaro: «Questa è la democrazia». Manica: «Vetrina personale per Di Maio, non confronto democratico»

«Viva la democrazia». Affermazione lapidaria che ha il valore di uno slogan quella del deputato del Movimento 5 Stelle Riccardo Fraccaro. Un motto per replicare alle critiche piovute sui pentastellati dopo l’esito della partecipazione alle primarie che sanciranno il candidato presidente del Consiglio del movimento alle prossime Politiche. Otto i nomi tra cui scegliere, uno solo quello noto: Luigi Di Maio.
A. Rossi Tonon, "Corriere del Trentino", 20 settembre 2017

continua...


Alla paura non si contrappongono muri, ma un nuovo patto di cittadinanza tra solidarietà e legalità

Sembra ormai che la legge sullo Ius Soli non verrà approvata dal Parlamento. Forse un (non) risultato che va bene a molti tenuto conto che i sondaggi scoraggiavano temerarie insistenze. In realtà a governare le scelte della politica, prima ancora che i calcoli elettorali e l'agibilità delle maggioranze, è subentrato un fenomeno tutto sociale. È la paura, quel sentimento che modifica i comportamenti individuali e collettivi e diventa ormai senso comune.
Alessandro Olivi, 18 settembre 2017

continua...


Morando: «Europa salva con Macron Ora si parli ai governi delle frontiere»

«Tentare di governare la globalizzazione incontrando l’Europa» questa l’ancora di salvataggio della sinistra italiana secondo il viceministro all’Economia Enrico Morando, ieri a Rovereto per la terza edizione della rassegna “La nuova Europa riparte da te”.
M. Dei Cas, "Corriere del Trentino", 10 settembre 2017

continua...


#malaria - «Ma profughi e immigrati non c’entrano niente»

«Innanzitutto esprimo la vicinanza alla famiglia perché questa è una grande tragedia e in questo momento non possiamo non esprimere le condoglianze a questa famiglia così duramente toccata». L’assessore alla salute Luca Zeni ci tiene a spiegare che l’azienda sanitaria e la Provincia vogliono capire cosa sia accaduto, ma ci tiene anche a manifestare la vicinanza alla piccola Sofia e a frenare l’ondata d’odio contro i migranti che si è scatenata sul web.
U. Cordellini, "Trentino", 6 settembre 2017

continua...