Comunali pagina 18

Liste uniche, stop dei renziani

TRENTO «Non è il momento di immaginare un partito oltre il Pd». Elisa Filippi, già candidata alla segreteria del Pd trentino e membro della direzione nazionale del partito, sul «cantiere democratico» lanciato da Lorenzo Dellai ha le idee chiare. Dice no a liste comuni con un simbolo unico: «Se questa è la proposta, è impraticabile anche solo tecnicamente, non ci sono i tempi».
C. Bert, "Trentino", 7 febbraio 2015

continua...


«Lista unitaria con l’Upt? Non sta in piedi»

«Ben venga il cambio di rotta dell’Upt, ma le cose serie si fanno bene. Liste unitarie di Pd e Upt oggi sarebbero una forzatura incomprensibile e dannosa per un processo che richiede tempo». Vanni Scalfi, responsabile enti locali del Pd e consigliere comunale a Trento, rompe un silenzio che si era auto-imposto negli ultimi mesi di perenne fibrillazione dentro il Pd.
"Trentino", 6 febbraio 2015

continua...


"Liste sperimentali? Troppo tardi"

Andreatta apre alla prospettiva di Dellai: stimolo da cogliere, ma deve sostanziarsi di contenuti. Ma sul nodo-elezioni avverte: "Molti partiti si sono già mossi autonomamente".
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 6 febbraio 2015
Leggi l'articolo in pdf! 

continua...


RIVA DEL GARDA - «Siamo uniti e pronti per altri cinque anni»

L'accordo formale è fatto, concluso e firmato. Quello sostanziale, la «polpa» vera (materia di discussione e confronto assolutamente privatissima tra il candidato sindaco Adalberto Mosaner e il segretario provinciale autonomista Franco Panizza), lo si scoprirà strada fecendo, dopo l'11 maggio. Congelate le fibrillazioni interne al Patt e congedati i dissidenti e le voci fuori dal coro, il centrosinistra autonomista apre ufficialmente la campagna elettorale e presenta il suo candidato sindaco, che poi altri non è che il sindaco uscente Adalberto Mosaner. 
P. Liserre, "L'Adige", 5 febbraio 2015

continua...


LAVIS - Il Pd al Patt: basta arroganza

LAVIS - In vista dell'assemblea del Pd di venerdì sera, c'è una palese apertura del Pd verso il Patt, con la speranza che possa cadere la pregiudiziale posta dalle stelle alpine sul nome del candidato sindaco. «Facciamo un sindaco che sia espressione della coalizione, e non di un solo partito», è il messaggio che lancia il segretario del Pd lavisano, Luca Paolazzi.
"l'Adige", 5 febbraio 2015

continua...


Maria Floretta lascia: «Lista unica e fusione»

CLOZ - La sindaca PD di Cloz Maria Floretta lascia la guida del comune. "Nel medioevo il Comune difendeva legna e pascoli, garantendo la sopravvivenza. Quei tempi sono passati. Unendo i comuni da Cagnò a Castelfondo, compreso Dambel, si avrebbe un solo ente da 4.770 abitanti, più rappresentativo".
"L'Adige", 3 febbraio 2015

continua...


Elezioni comunali - Il COMUNICATO STAMPA DEL PD DEL TRENTINO

Il coordinamento provinciale del Partito Democratico del Trentino, riunitosi questa sera alle 18.00 presso la sede di via Torre Verde, ha fatto il punto sulla situazione politica e lo stato di avanzamento delle trattative per le elezioni comunali di maggio sul territorio provinciale.
Trento, 2 febbraio 2015 

continua...


#MORI - Caliari, passo indietro per la coalizione

MORI - Roberto Caliari si fa da parte, ritira la sua candidatura come sindaco e al suo posto sponsorizza Stefano Barozzi come candidato ideale per guidare Mori.
Dopo settimane di trattative il rebus di Pd e Lista Insieme è stato finalmente risolto: il primo cittadino uscente, che meno di due mesi fa aveva assicurato di volersi riproporre come sindaco, ha dovuto fare un passo indietro per accontentare i colleghi di coalizione e liberare il campo a nuove trattative per un nome unitario.
"L'Adige", 1 febbraio 2015

continua...