Archivio notizie pagina 1

Zeni: «I Comuni non bastano. Il futuro non si intercetta guardandosi l’ombelico»

Mentre, al centro, è un brulicare di iniziative e contatti, il Pd è alla finestra. Luca Zeni si mostra sereno: «Il nostro baricentro è più stabile, non abbiamo il problema dei contenitori. Ciò che dobbiamo fare è concentrarci sulla proposta politica».
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 19 maggio 2017

continua...


Un'analisi del PD post-primarie

Il PD ha archiviato le primarie del 30 aprile, le ennesime dalla sua nascita. Un elemento statutario, forse identitario, caratterizzante la sua breve ma intensa storia. Un bel momento di democrazia e di partecipazione nell’epoca del disgusto verso la politica, che ha catalizzato per settimane l’attenzione della politica e dell’opinione pubblica riaffermando la centralità del PD nelle dinamiche politiche ed istituzionali del Paese.
Alessio Manica, "Trentino", 19 maggio 2017

continua...


I civici irritano il Pd: «Poca chiarezza»

Il progetto politico dei civici ha perimetri incerti e gambe corte, per costruire un’alternativa all’attuale maggioranza di governo. Lo sostiene il capogruppo del Pd Alessio Manica che, dallo scorso agosto, osserva i movimenti dei sindaci che si raccolgono attorno a Francesco Valduga, sindaco di Rovereto ed al primo cittadino del comune di Pergine Roberto Oss Emer.
F. Quattromani, "Trentino", 19 maggio 2017

continua...


Valutare i rischi sul lavoro in un'ottica di genere

Un documento che sia d’aiuto ai datori di lavoro per valutare i rischi sul lavoro in un'ottica di genere. Lo ha approvato il Comitato provinciale di coordinamento in materia di salute e sicurezza sul lavoro, composto da rappresentanti della Provincia di Trento, dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, dell’Inail, dell’Inps, del Consorzio dei Comuni, dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro, dell’Associazione italiana addetti professionisti della sicurezza e dei medici competenti, nonché di imprenditori, sindacati dei lavoratori, professionisti.
Ufficio Stampa Provincia, 19 maggio 2017

continua...


#TRENTO - GILMOZZI: «Viale dei Tigli, ex Lettere e periferie Ferite sanate, la città sarà più bella»

Il voto all’unanimità — una rarità a Palazzo Thun — incassato martedì sera sull’accordo per il Fondo strategico territoriale lo considera «simbolico», «una vittoria della politica in senso alto». Ma l’assessore comunale ai lavori pubblici Italo Gilmozzi è già pronto a guardare avanti. Con una sfida praticamente dietro l’angolo. Tutt’altro che semplice da gestire: a luglio, infatti, in Aula approderà l’assestamento di bilancio.
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 18 maggio 2017

continua...


In economia la Regione è virtuosa

Il Trentino Alto Adige è l'unica regione d'Italia che presenta un bilancio Inps in attivo: a fronte di 3 miliardi 233 milioni di euro in entrata (contributi pagati da imprese e lavoratori), le uscite (pensioni erogate) sono 3 miliardi 33 milioni di euro.
Giorgio Tonini, "Trentino", 18 maggio 2017

continua...


Centrosinistra da rigenerare, la leadership non è scontata

Appare sempre più probabile la conclusione naturale della legislatura, dunque nel 2018 avremo prima le elezioni politiche e poi quelle provinciali. La domanda da farsi allora è se ci stiamo preparando in modo adeguato alla doppia e più che mai incerta scadenza.
Roberto Pinter, "Corriere del Trentino", 17 maggio 2017

continua...


Statuto, irrisolto il nodo della Regione Bolzano: «Più poteri alle Province»

Alla fine, a venire al pettine del percorso per la riforma dello Statuto è sempre il nodo della Regione. Sotto al velo ufficiale di una condivisione di intenti fra Trentino e Alto Adige (una «ridefinizione del suo ruolo»), si nasconde una diversità di vedute che accompagna da sempre il dibattito sulla riforma: «Vogliamo trasferire alle singole Province tutto quanto sia ora di competenza legislativa regionale» dice senza mezzi termini il presidente della Convenzione Christian Tschurtschenthaler.
E. Ferro, "Corriere del Trentino", 16 maggio 2017

continua...


#SiamoEuropa - «Profughi, l’Europa volge le spalle»

L’Europa vista da fuori i confini ha sfaccettature e aspetti diversificati e anche inaspettati per noi europei. È importante conoscerli, per affrontare il futuro di relazioni geopolitiche ed economiche complesse e in veloce cambiamento. Se ne è parlato ieri pomeriggio al tendone di «Siamo Europa», con la moderazione del professor Andrea Fracasso, nuovo direttore della Scuola di Studi internazionali di Trento.
M. Di Tolla, "Trentino", 15 maggio 2017

continua...


#SiamoEuropa - Fabbrini: «Europa a più finalità Macron ci fa ben sperare» Franco: «Il vero assedio è quello dei nazionalisti»

«Un’Europa non a più velocità, ma a più finalità. Una formula che ci può aiutare a dare un futuro alle istituzioni comunitarie. Ma per una revisione efficace del progetto servono giovani leader. La vittoria di Macron ci fa ben sperare».
S. Voltolini, "Corriere del Trentino", 14 maggio 2017

continua...


#SiamoEuropa - «Welfare europeo possibile. Ma c’è il nodo della sovranità»

L’Europa è complicata e spesso appare distante, ma non è irrazionale e può migliorare se una classe politica all’altezza del compito se ne farà carico. Così Chiara Saraceno e Gian Enrico Rusconi, sociologa la prima e politologo il secondo, hanno raccontato la «storia vera» dell’Unione europea, aprendo ieri i lavori del convegno «Siamo Europa» organizzato dalla Fondazione trentina Alcide de Gasperi.
F. Parola, "Corriere del Trentino", 15 maggio 2017

continua...


#TRENTO - Il bilancio di Andreatta dopo due anni di lavoro: attenzione a periferie e beni comuni

 L’avvio di consiliatura, ammette, «è stato faticoso». Più del previsto. «Ma negli ultimi mesi — sottolinea Alessandro Andreatta — stiamo procedendo bene. Possiamo concentrarci sui temi invece che sugli assetti di giunta. E la città ne guadagna».
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 13 maggio 2017

continua...


#ROVERETO - Il Pd traccia la via del nuovo welfare

Quando la giunta ha chiesto al consiglio l’approvazione delle proprie iniziative per il sostegno alle persone in difficoltà lavorativa, il Pd si è astenuto. Spiegando che riteneva quel modo di operare (sostenere in sostanza il “progettone” finanziando lavori socialmente utili che diano temporaneamente uno stipendio a chi è finito fuori dal mercato del lavoro) vecchio sia concettualmente che concretamente.
L. Marsilli, "Trentino", 15 maggio 2017

continua...


Sulle riforme e sul traffico d'organi

Mercoledì ho partecipato ad un seminario sulle riforme istituzionali che abbiamo organizzato con alcuni colleghi del gruppo PD per discutere della situazione che si è venuta a creare dopo la bocciatura da parte dei cittadini del referendum costituzionale del 4 dicembre scorso.
Michele Nicoletti, 12 maggio 2017

continua...


«Il regolamento del consiglio va cambiato»

«Il regolamento d’aula va adeguato alla legge elettorale». A dirlo è il capogruppo del Pd, Alessio Manica, ma il pensiero è comune all’intera maggioranza all’indomani della sospensione — che equivale a un ritiro — della legge sulla doppia preferenza di genere, affondata dall’ostruzionismo di parte della minoranza.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 12 maggio 2017

continua...


pg. 1 di 370