Nazionali pagina 2

Parte la caccia ai voti persi. Pd e Upt contestano Rossi

La stagione della caccia ai voti dell’Upt è aperta. Gli occhi della politica trentina sono già rivolti alle elezioni provinciali di ottobre e più d’uno ha capito che la differenza la faranno quei voti «evaporati» domenica nelle urne in buona parte a vantaggio della Lega e, in parte, del Pd. Nella dirigenza di Pd e Upt si sta facendo strada l’idea che, per recuperarli, si debba passare da un cambio di leadership.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 7 marzo 2018

continua...


#ROVERETO - Il Pd resta primo partito in centro. A Marco spadroneggia la Lega

Sovrapporre una elezione nazionale a realtà locali è sempre un po' arbitrario. Ma analizzando il voto seggio per seggio e quindi circoscrizione per circoscrizione emergono chiari dei dati che sarebbe ancora più arbitrario trascurare. Anche perché forse permettono di capire la dinamica che ha portato alla vera e propria rivoluzione di domenica.
L. Marsilli, "Trentino", 7 marzo 2018

continua...


Manica: «Disastro, rimettiamo tutti il mandato»

C’era solo lui, in mattinata, ad abitare le sale di via Torre Verde. Le porte del Pd si sono chiuse con mestizia all’alba di ieri, per poi riaprirsi a qualche ora di distanza. Nel silenzio, il capogruppo Alessio Manica non ha fatto mancare presenza e onestà. «Un disastro», dice pensando ai risultati che hanno scosso il Nazareno. Ma se il «renzismo» è imploso nei suoi difetti, spiega, persino la coalizione tutta, in Trentino, oggi si rivela monca.
M. Damaggio, "Corriere del Trentino", 12 marzo 2018

continua...


#POLITICHE 2018 - Vaccini, l’obbligo divide il campo politicoPd e Forza Italia favorevoli, Leu e Lega no

Elisa Filippi, capolista del Partito democratico per la Camera, va dritta al punto: «Il decreto si è rivelato necessario, magari non si fosse presentata tale urgenza». Filippi ricorda le premesse statistiche: «Il calo della copertura prosegue dal 2013 e nel quadro europeo l’Italia è tra i Paesi in cui maggiormente decresce la soglia di protezione e contestualmente aumenta l’incidenza di patologie serie, come il morbillo».
M. Damaggio, "Corriere del Trentino", 2 marzo 2018

continua...


Il nostro voto non sia un segnale di opinioni private, ma il contributo responsabile di ognuno al futuro di tutti

Domenica 4 marzo le Cittadine ed i Cittadini del Trentino potranno esercitare il diritto-dovere di scegliere a chi affidare la responsabilità del Governo del nostro Paese e la rappresentanza del nostro territorio e della nostra Autonomia in Parlamento.
Gruppo Consiliare PD, 1 marzo 2018

continua...


In questa campagna elettorale serve consapevolezza e responsabilità

Consapevolezza e responsabilità. Questo serve in campagna elettorale ma soprattutto dopo a coloro che saranno chiamati a rappresentare il Paese in Parlamento. Consapevolezza innanzitutto vuol dire guardare in faccia la realtà. Queste elezioni si celebrano in un momento in cui l'Italia esce da una lunga fase recessiva che ha cambiato profondamente il sistema produttivo ma anche la composizione sociale delle nostre comunità.
Alessandro Olivi, 26 febbraio 2018

continua...


Elezioni Politiche 4 marzo 2018: facciamo crescere l’Autonomia

Il 4 marzo si vota. Con una legge che prevede in Trentino 3 collegi uninominali alla Camera e 3 collegi al Senato.
Il che significa che non sarà un voto astratto, ma che si sceglierà concretamente la persona che rappresenterà il Trentino in Parlamento.
Luca Zeni, 26 febbraio 2018

continua...


Il dovere di andare a votare

"Ogni individuo ha dei doveri verso la comunità, nella quale soltanto è possibile il libero e pieno sviluppo della sua personalità": così recita l'art. 29 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, adottata nel 1948 dall'ONU, affermando un principio cardine della pacifica convivenza sociale qual è il principio di solidarietà. La nostra Costituzione non è da meno, anche se troppo spesso noi sembriamo dimenticarcene.
Donata Borgonovo Re, "Trentino", 28 febbraio 2018

continua...