cultura pagina 7

La risposta è una sola: più cultura

Venerdì 13 ho seguito la tragedia di Parigi (e della Siria e dell’Iraq…) accanto a mia figlia, diciannove anni, sconvolte entrambe dalle proporzioni delle domande che ci arrivavano da quei fatti. Come orientarsi, attraversare il dolore di quelle morti e capire cosa fare, come genitori, come formatori, come semplici cittadini? E, nella responsabilità di trovare una risposta convincente, ho pensato a quando io avevo la sua stessa età a quali erano gli scenari e le persone che erano davanti a me.
Lucia Fronza Crepaz, "Trentino", 25 novembre 2015

continua...


#LAVIS - Nuovi volti: Caterina Pasolli è già lavoro per creare reti e promuovere la cultura

LAVIS - Ventitré anni, diplomata al liceo scientifico, Caterina Pasolli è una delle novità della giunta di Andrea Brugnara, non solo per la sua giovane età, quanto piuttosto per aver ottenuto due deleghe particolarmente importanti: cultura e politiche giovanili. «Sono due facce della stessa medaglia e sono onorata di poter impegnarmi su questi due fronti, proponendo metodologie nuove di lavoro» sottolinea Caterina. 
L. Facchinelli, "L'Adige", 30 luglio 2015

continua...


#WeAreNext - Miorandi: «Occasione da non perdere»

ROVERETO A sorpresa, l’ex sindaco Andrea Miorandi esce allo scoperto sul festival “We are next”, dato per annullato dagli organizzatori. E non per una polemica con la nuova amministrazione, ma per tendere la mano al neosindaco. «Capisco le difficoltà di Valduga - dice Miorandi-, perché sono le stesse che ho dovuto affrontare all’inizio del mio mandato, senza un’esperienza alle spalle. Pensare di organizzare un altro evento richiede fatica ed è un compito difficile. Ma sono pronto a sedermi al tavolo con Valduga per fare comunque il festival, che è un’occasione straordinaria per Rovereto, e che altre città del Trentino si sono già fatte avanti per ospitare».
"Trentino", 10 luglio 2015

continua...


Università e ricerca, una ricetta per collegarle al nostro territorio

 I nuovi vertici dell'Ateneo hanno incontrato Lucia Maestri. L'eredità di Trento Rise è stata il cuore dell'incontro che ha messo di fronte i nuovi vertici dell'Università e dei centri di ricerca collegati alla Quinta commissione del consiglio provinciale.  Il presidente FbK, Francesco Profumo, ha richiamato in particolare la necessità di disporre dell'«hub» della ricerca in Trentino.
"L'Adige", 9 giugno 2015

continua...


Assemblea dell'Università - Ferrari: "Più uniti per intercettare fondi"

"La presenza dell'Università nell'ufficio della Provincia a Bruxelles ci permetterà di essere strategici". Olivi: "Necessaria una valutazione dell'impatto degli investimenti dell'università su conoscenza e ricerca, di quanto valore economico scaricano sul territorio e quanto ritorno in termini di internazionalizzazione, di nascita di nuove imprese e di attrazione di altre da fuori".
F. Cargnelutti, "Corriere del Trentino", 4 giugno 2015
Leggi l'articolo in pdf!

continua...


#TRENTO - «Su Asis discussione senza pregiudizi»

TRENTO - Sport, Cultura, Biblioteche e Pari Opportunità le compertenze dell'assessore Andrea Robol. Messo in discussione fino all'ultimo, nonostante l'ottimo risultato elettorale, secondo del Pd per preferenze, alla fine Andrea Robol ha ottenuto fiducia dal sindaco Andreatta che lo ha riconfermato in giunta come assessore alla cultura, sport e pari opportunità.
F. Gottardi, "L'Adige", 3 giugno 2015

continua...


Plagi d'aula

L'arrabbiatura è esplosa ieri mattina ancora prima che la seduta del Consiglio provinciale cominciasse. Appena Lucia Maestri del Pd ha aperto il malloppo degli emendamenti collegati all'assestamento di bilancio della Provincia è saltata sulla sedia: quello riguardante le agevolazioni fiscali per le erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale a firma del consigliere del Patt Walter Kaswalder era praticamente identico agli articoli 3 e seguenti di un disegno di legge che l'ex assessore comunale aveva depositato lo scorso luglio.
D. Battistel, "L'Adige", 25 maggio 

continua...


COMUNICATO STAMPA Il Consiglio provinciale introduce anche in Trentino le ‘Domeniche al museo’

Soddisfazione della consigliera Lucia Maestri che aveva proposto tale soluzione con una specifica mozione.
Con il decreto Franceschini sul sistema tariffario dei musei statali e dei siti archeologici, entrato in vigore il primo luglio del 2014, è stata istituita la cosiddetta ‘Domenica al museo’, in base alla quale ogni prima domenica del mese tutti i luoghi della cultura statali saranno visitabili gratuitamente.
Trento, 16 aprile 2015

continua...