circoli territoriali pagina 5

PALLANCH: «Riallacciamo i rapporti con la società civile»

C'è un partito da rifare. E, curiosità, è quello che prende il maggior numero di voti. Il Pd, erede del Pci dopo le metamorfosi avviate da Occhetto, sta cercando di diventare grande. Parola grossa, dirà qualcuno. E i segnali sembrano confermarlo. Perché i democratici sono arrivati al governo di ogni ente per poi scivolare nei personalismi e cadere al primo soffio.
N. Guarnieri, "L'Adige", 26 novembre 2015

continua...


#PDRovereto, sabato l'Assemblea di rinnovo degli organi del circolo. Ecco i candidati e le loro tesi congressuali

In occasione dell’Assemblea per il rinnovo degli organi del circolo di Rovereto (in programma questo sabato 28/11 dalle ore 14.30 alle ore 18.00 presso la Sala riunioni del Centro Civico Fucine di Borgo Sacco, via Leonardo da Vinci, 5) pubblichiamo le mozioni congressuali dei due candidati alla carica di Segretario del circolo, CARLO FAIT e ROBERTO PALLANCH. L’assemblea è aperta alla partecipazione di tutti gli elettori; possono votare ed essere eletti nel direttivo del circolo gli iscritti PD 2015.
Mozione CARLO FAIT
Mozione ROBERTO PALLANCH

continua...


Il #PDDro bacchetta le opposizioni: "Sulle proposte poca concretezza"

«Lega Nord e M5s si sono astenuti su importanti temi di coscienza e sensibilità come il progetto "Posto occupato" contro i femminicidi e l'adesione all'iniziativa della Comunità di Sant'Egidio contro la pena di morte. Un'occasione per testimoniare una prova di civiltà da parte dell'intero consiglio: un'opportunità mancata per esprimere un voto unanime».
"L'Adige", 2 novembre 2015

continua...


«L'accoglienza è cresciuta». Migranti, Luca Zeni alla serata sull'ospitalità di Dro

DRO - Superare paure e preconcetti per aprirsi ad una nuova stagione dell'accoglienza e della solidarietà. Erano quasi centocinquanta le persone presenti venerdì sera all'incontro promosso al centro culturale di Dro dal circolo locale del Partito democratico per illustrare il nuovo e crescente fenomeno dell'arrivo in Trentino dei rifugiati e richiedenti asilo internazionale. 
D. Ferrari, "L'Adige", 20 ottobre 2015

continua...


#PDLavisZambanaNaveSRocco - Comunicato Stampa "Processi di fusione"

"Con riferimento a possibili processi di fusione e gestione associata, come Circolo del Partito Democratico del Trentino di Lavis, Zambana e Nave San Rocco ribadiamo la nostra posizione favorevole. Questi processi rappresentano, potenzialmente, un’importante occasione per garantire ai cittadini servizi pubblici più efficienti ed efficaci.
Lavis, 17 ottobre 2015

continua...


#PdGiudicarie - Il Pd celebra la politica di Alex Langer

L’altra sera chi ha potuto essere presente alla serata di riflessione dedicata alla figura di Alexander Langer ha ricevuto un grande regalo. Al pubblico è stato infatti riservato un momento «più lento, più profondo, più soave» come sosteneva proprio Langer in contrapposizione all’essere «più veloce, più in alto, più forte».
Anna Pironi, "Corriere del Trentino", 10 ottobre 2015

continua...


#PDRiva - Al via l’operazione ascolto e gli incontri formativi

Se qualcuno ha qualcosa da dire all'amministrazione comunale lo può fare per tramite del Partito Democratico che ha deciso innanzitutto di spalancare le porte della propria sede al condominio Piemonte (tutti i giovedì, dalle 18 alle 19.30, un consigliere comunale o di Comunità sarà a disposizione della cittadinanza) e poi di andare sul territorio ad incontrare la popolazione dando vita a sette incontri “ascolto” che si svolgeranno in altrettanti luoghi della città.
"Trentino", 2 ottobre 2015

continua...


Mattarello - Dal PD arriva "no" senza riserve alla Valdastico

I democratici venerdì sera sono ritornati sul tema ed hanno organizzato una serata informativa condotta da Rino Sbop, già vicepresidente della Circoscrizione e presidente della Commissione di lavoro urbanistica e viabilità, con lo scopo di presentare «le ragioni del no» al completamento della Valdastico e da una sala strapiena e dai dem compatti ha raccolto «un no senza riserve, corale e pubblico, perché è inutile, costosa ed è contraria al modello di sviluppo che fino ad ora abbiamo perseguito».
"L'Adige", 28 settembre 2015

continua...