Provinciali pagina 3

Pd e Patt liquidano i civici: ora basta. Muzio: "Il calciomercato è chiuso, parte il campionato"

 «Piaccia o meno, l’unica alternativa al centrodestra è il Pd — dice ancora il segretario — quindi ora si tratta di costruire il sistema delle alleanze. Ci sarebbe piaciuto trovare spazi con il mondo civico, ma cercheremo comunque di attrarre delle forze territoriali».
M. Damaggio, "Corriere del Trentino", 17 giugno 2018

continua...


«Nella campagna elettorale i diritti civili siano centrali»

Un appello accorato all’unità e un richiamo affinché tutti, Stelle Alpine comprese, possano unirsi alla battaglia per i diritti civili. L’assessora alle pari opportunità Sara Ferrari al gay pride di sabato scorso era letteralmente in prima linea. Il suo intervento, applauditissimo, l’ha consacrata come una delle paladine per i diritti di tutti. Tanto da farle promettere che «nella prossima campagna elettorale, i diritti civili saranno centrali».
S. Pagliuca, "Corriere del Trentino", 15 giugno 2018

continua...


Autonomia, lavoro, welfare, ambiente, i quattro temi del Pd per il programma

Un nuovo azionista seduto per la prima volta al tavolo della coalizione (Mdp), un altro potenziale socio per ora solo invocato ma inafferrabile (i Civici) e un tema gravoso che il Pd vuole chiudere «entro pochi giorni» (Rossi-bis oppure nuovo candidato presidente, purché sia un volto inedito).
M. Damaggio, "Corriere del Trentino", 6 giugno 2018

continua...


Il documento approvato all'unanimità dall'Assemblea provinciale del 7 maggio 2018

Il Partito Democratico del Trentino ha preso parte sempre con lealtà e convinzione alla coalizione di centro-sinistra autonomista negli ultimi 10 anni di governo della nostra comunità e continua a ritenere centrale questa aggregazione politica.
Trento, 8 maggio 2018

continua...


Borgonovo Re torna in ateneo. In ottobre non si candiderà «Ma manterrò la presidenza»

La notizia era nell’aria. Alimentata da voci e da indiscrezioni lasciate a metà. Ma anche da qualche mezza «ammissione» della diretta interessata rivolta a chi, nel partito, le chiedeva spiegazioni. Ora, però, la decisione sembra essere presa: Donata Borgonovo Re, consigliera provinciale del Pd e presidente del partito, non si candiderà alle elezioni provinciali del prossimo ottobre. La comunicazione — questa volta ufficiale — è arrivata nella riunione del consiglio di facoltà di Giurisprudenza convocato la scorsa settimana.
M. Giovannini, "Corriere del Trentino", 16 marzo 2018

continua...


Gruppi consiliari: 1,5 milioni di spese

La classifica - come è ovvio - è determinata dalla “numerosità” dei gruppi, visto che i contributi per il funzionamento dei gruppi e per il personale sono determinati in base al numero di consiglieri. Va comunque dato atto al Pd di essere il partito che più ha risparmiato, “rinunciando” di fatto a spendere 81 mila euro che sono rimasti nel fondo cassa come spese di funzionamento.
"Trentino", 28 gennaio 2015

continua...


Doppia preferenza di genere anche alle provinciali

Rossi conferma l'impegno: la doppia preerenza di genere non sarà introdotta solo per le elezioni comunali trentine. A giugno, in consiglio pronvinciale, si tornerà a discutere di preferenze di genere anche per la legge elettorale provinciale. In Alto Adige invece nessuna quota rosa.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 18 gennaio 2015
Leggi l'articolo in pdf!

continua...


Allegria Pd, partito di donne

Pd come Partito democratico? Anche Partito donna: ne porta 4 su 9 in consiglio, due terzi dell'intera pattuglia femminile nei prossimi 5 anni in piazza Dante. E per tre quarti le democratiche sono nuove: oltre alla riconfermata (alla grande, è quarta in classifica battendo anche  Luca Zeni) Sara Ferrari, svetta  Donata Borgonovo Re seconda dopo il front-runner Olivi (più brillante del previsto, dopo il flop democratico delle primarie che hanno spalancato la strada a  Rossi) e fanno il salto dal Comune di Trento le fresche ex assessore Violetta Plotegher  e  Lucia Maestri, bruciando con una barca di preferenze a Trento città sia il rivano Pellegrini sia il rendenero Olivieri, rimasti confinati ai rispettivi bacini periferici e alle memorie di gloria.
P. Ghezzi, "L'Adige", 28 ottobre 2013

continua...