primarie pagina 15

Zeni: prima recuperiamo la credibilità

Luca Zeni, da pochi mesi entrato in giunta come assessore alla salute, non ci sta a partecipare al dibattito innescato dal vicepresidente Alessandro Olivi su chi nel Pd ha un atteggiamento «subalterno e arrendevole» e si prepara «un'altra legislatura da buoni secondi», mentre il presidente del consiglio provinciale, Bruno Dorigatti, neppure vuole sentire parlare - almeno non oggi - di primarie per la leadership del 2018.
L. Patruno, "L'Adige", 1 febbraio 2016

continua...


RASSEGNA STAMPA incontro “Un Partito per il Trentino: contributi per il rilancio del Partito Democratico”

«Prima i contenuti, poi la leadership», G. Fin, "L'Adige", 31 gennaio 2016
Responsabilità, capacità di tradurre le necessità dei cittadini in atti di governo, ma anche non delegare l'autonomia ad altre forze politiche. «Prima di parlare di leadership concentriamoci sui temi, sui contenuti e sui nostri valori». Le divergenze, almeno un po', sono state lasciate fuori dalla porta e il Partito Democratico del Trentino è sembrato trovare un visione comune sul proprio futuro e sulla strada da percorrere, da oggi fino a maggio, quando verrà celebrato il congresso provinciale.

continua...


«Primarie contro Rossi, chi l'ha detto?»

Si stanno delineando due posizioni, all'interno del Pd trentino, in vista del congresso di maggio. Da una parte c'è chi, come il vicepresidente della Provincia, Alessandro Olivi, invita il partito a organizzarsi e unire le forze con l'obiettivo di conquistare la leadership della coalizione e per la prima volta la guida della Provincia. E si dice pronto persino a lasciare la giunta per fare il segretario, se questo potrà essere utile allo scopo. 
L. Patruno, "L'Adige", 31 gennaio 2016

continua...


Congresso Pd, passo indietro di Borgonovo

«Come segretario ci serve qualcuno che non si faccia mettere i piedi in testa ma che abbia una forte esperienza di dialettica e dialogo, non la vispa Teresa che si muove in un territorio di selvaggi», riflette a voce alta Donata Borgonovo Re. Non è ancora una pax siglata dentro il Pd trentino, da anni preda di faide interne, ma è qualcosa che ci assomiglia.
C. Bert, "Trentino", 29 gennaio 2016

continua...


Giovani in campo: «Scardinare le correnti»

«Dobbiamo avere il coraggio di dire che un partito litigioso e poco capace di scegliere non riesce a dimostrare la propria utilità per questo territorio». Così un gruppo di giovani iscritti e amministratori del Pd promuove per sabato a Trento (ore 10, Impact Hub di via Sanseverino 95) un incontro per raccogliere contributi per il rilancio del Pd.
LEGGI il DOCUMENTO
"Trentino", 28 gennaio 2016

continua...


#CONGRESSO - Il punto sulle regole e sulle prospettive future della coalizione

«Non sono certissima che nel 2018 ci sarà questa coalizione». Donata Borgonovo Re dice quanto molti, nel Pd, pensano da sabato. Tra i democratici, ancora impigliati nella discussione delle regole congressuali, la rottura tra Dellai e l’Upt ha suonato la sveglia: va evitato il rischio della marginalizzazione dentro un centrosinistra autonomista a trazione Rossi-Mellarini-Simoni e, comunque, bisogna prepararsi a costituire una coalizione alternativa in caso di sfaldamento dell’attuale assetto di maggioranza. 
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 26 gennaio 2016

continua...


PD, i "sostenitori" del 2 per mille vanno valorizzati

Qualche settimana fa nel corso di un'intervista al Corriere del Trentino ho avanzato l'ipotesi di vaorizzare sul piano politico il ruolo dei 549.196 cittadini che, nell'ultima dichiarazione dei redditi, hanno deciso di attribuire al PD il 2 per mille delle imposte da loro dovute. Tale ipotesi ha suscitato alcune riflessioni interessanti sul tema ad opera di Roberto Pinter, Giovanni Pascuzzi, Stefano Zambelli, Giancarlo Gallerani che esigono un chiarimento.
Michele Nicoletti, "Corriere del Trentino", 22 ottobre 2015
Leggi l'articolo in pdf

continua...


Pd, rivoluzione primarie, arriva l'albo degli elettori. Regioni, vota solo l'iscritto

ROMA. Fermi tutti, c'è un partitoda ripensare. Una commissione sulla " forma-partito" al lavoro da mesi per cambiare lo statuto. E modificare - prima di ogni altra cosa - lo strumento principe del partito democratico: le primarie. A partire da quelle regionali, che verranno riservate ai soli iscritti. Mentre per quelle nazionali si pensa a un albo degli elettori e per le primarie di coalizione, anche nelle amministrative, a una regola che consenta di candidarsi a un solo esponente del Pd.
A. Cuzzocrea, "La Repubblica", 16 ottobre 2015

continua...