Europa pagina 11

«Niente giustifica la chiusura del Brennero»

BOLZANO Mentre a Bolzano si svolgevano le celebrazioni per il 25 aprile — con lo spettro incombente del ripristino del confine al Brennero e del risultato delle elezioni austriache — dal «G5» di Hannover Renzi ha ammonito il governo di Vienna e minacciato conseguenze a livello europeo: «Non c’è alcun elemento che giustifichi la chiusura del Brennero — ha affermato il premier — e quindi pensiamo che le autorità austriache non potranno che rispettare la normativa Ue. Se così non fosse, sarà l’Europa stessa a prendere le decisioni conseguenti».
V. Leone, "Corriere del Trentino", 26 aprile 2016

continua...


«A22, è mancata regia e collegialità»

«Sulle nomine in A22 quello che è mancato è una regia e un metodo collegiale nella prima fase: così la giunta regionale ha dovuto deliberare due volte, perché non era fatta carico della quota di genere, e si è arrivati alla staffetta per la presidenza, perché noi avevamo sollevato perplessità. Ora Rossi si è deciso a organizzare gli incontri di maggioranza che io sto chiedendo - inascoltato - da un anno. Speriamo che si faccia uno sforzo, d'ora in poi, per un governo più collegiale».
L. Patruno, "L'Adige", 26 aprile 2016

continua...


A Strasburgo

In occasione della sessione plenaria dell'Assembea parlamentare del Consiglio d'Europa tra gli altri sono intervenuti la la Ministra per le riforme e i rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi e il Presidente federale austriaco Heinz Fischer, con i quali ho avuto modo di confrontarmi rispetto ad alcuni temi  che come Gruppo socialista riteniamo molto importanti.
Michele Nicoletti, 22 aprile 2016

continua...


Regeni: Consiglio Europa, Egitto collabori per avere verità

Stamattina a Strasburgo, alla presenza di molti parlamentari sottoscrittori, abbiamo presentato in conferenza stampa la dichiarazione scritta dal titolo 'Verità per Giulio Regeni' che abbiamo proposto e depositato come Delegazione italiana al Consiglio d'Europa. La dichiarazione è stata sottoscritta da circa cento parlamentari, esponenti di diversi gruppi politici e rappresentanti di molti dei 47 paesi facenti parte del Consiglio d’Europa.
Michele Nicoletti, 21 aprile 2016

continua...


#Brennero e muri, sogni calpestati

Un muro, una barriera. Grenzmanagement, gestione del confine per il governo austriaco, o forse gestione della politica interna, visto l’impegno ad arginare la crescita costante della destra xenofoba in vista delle elezioni presidenziali che si terranno tra pochi giorni.
Elisabetta Bozzarelli, 14 aprile 2016

continua...


#Brennero - Renzi attacca. Gentiloni e Alfano scrivono all’Ue

Anche se sul campo si vede poco, l’avvio dei lavori al confine del Brennero è diventata un caso internazionali. Ieri il premier Matteo Renzi ha chiesto al rappresentante del governo presso la Ue di verificare se le regole europee sono state violate. «Con l’Austria c’è amicizia ma devono rispettare le regole europee» ha detto ieri Renzi.
"Corriere del Trentino", 13 aprile 2016

continua...


Testo dei capigruppo: «Brennero, tutelare lo spirito di Schengen». «Nessun riflesso sui richiedenti asilo», Zeni rassicura sul ripristino del valico

Un documento base, aperto a modifiche e ulteriori adesioni. Rivolto a Ue e governo austriaco, per favorire una «tutela dello spirito di Schengen» in relazione alla chiusura della frontiera al Brennero, a sua volta decisa per contenere l’afflusso di profughi. Lo ha condiviso la maggioranza dei capigruppo dell’Euregio nella riunione informale vicino al valico.
Stefano Voltolini, Luigi Ruggera, "Corriere del Trentino", 30 marzo 2016

continua...


#Bruxelles - In piazza per opporsi a chi semina terrore

 Il momento più significativo del presidio di solidarietà col popolo belga e per dire "No al terrore" che i sindacati ed il Forum per la Pace hanno organizzato ieri sera in piazza Duomo, è stata la partecipazione degli undici cittadini siriani, arrivati da pochi giorni a Trento, grazie al corridoio umanitario. Hanno voluto essere presenti anche con i bambini più piccoli, nonostante la paura perché in Siria le manifestazioni per la pace vengono represse anche in modi molto violenti.
D. Peretti, "Trentino", 23 marzo 2016

continua...