economia e lavoro pagina 5

Reddito di cittadinanza, la grande beffa

Il requisito dei dieci anni di residenza (invece dei tre anni attuali) e il cambio di sistema di calcolo (l'Isee nazionale anziché il nostro Icef) rischiano di cambiare profondamente la platea dei percettori del reddito di garanzia trentino, escludendo dal futuro reddito di cittadinanza migliaia di persone.
Luca Petermaier - Chiara Bert, "Trentino", 19 gennaio 2019

continua...


Comunicato stampa, Alessandro Olivi: «Non abbandoniamo l'esperienza innovativa dell'assegno unico per appaltare allo stato il problema»

Il consigliere del Partito Democratico Alessandro Olivi ha depositato ieri una proposta di mozione che impegna la giunta a non retrocedere rispetto all’esperienza innovativa dell’assegno unico, e a garantire piuttosto tra questa e la misura nazionale del reddito di cittadinanza le necessarie armonizzazioni.
Trento, 18 gennaio 2019

continua...


Disoccupazione al 3,1%,«Trentino oltre la crisi, merito delle sue politiche»

«Una nuova normalità economica». I dati elaborati dall’Ufficio dell’Agenzia del lavoro sui primi nove mesi del 2018 dicono che in Trentino la situazione occupazionale è tornata ad essere quella dei livelli pre-crisi. Con un tasso di disoccupazione al 3,1%, un terzo di quella nazionale «che farebbe invidia persino all’amministrazione americana».
M. Montanari, "Corriere del Trentino", 19 dicembre 2018

continua...


Decreto Dignità, mille precari a rischio in regione. Le stabilizzazioni restano un miraggio

Sono circa mille i precari del Trentino-Alto Adige che dal prossimo 1 gennaio, con l’entrata in vigore del decreto Dignità, rischiano di perdere il lavoro, perché raggiungeranno il limite di 24 mesi oltre i quali non sarà più possibile rinnovare i contratti a termine. Il dato in queste ore circola tra i sindacati e le associazioni di categoria, che si dicono preoccupate per le ripercussioni che l’entrata in vigore della norma potrebbe avere sul mercato del lavoro. A lanciare l’allarme è Assolavoro.
V. Iorio, "Corriere del Trentino", 9 dicembre 2018

continua...


Olivi: «Industria, aria di restaurazione»

Olivi «difende» Meccatronica, Manifattura e Agenzia del lavoro. Meno protettivo si dimostra nei confronti del settore della ricerca e, su Camera di commercio, non spende certo le parole al miele del suo successore, l'assessore esterno della giunta Fugatti.
"Trentino", 11 dicembre 2018

continua...


PD Riva del Garda - La dignità del singolo è un dovere collettivo

Costituzione della Repubblica Italiana entrata in vigore il primo gennaio del 1948
Art. 1. L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo adottata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 Dicembre 1948
Articolo 4 Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; La schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma
PD Riva del Garda, 30 novembre 2018

continua...


Il programma di Fugatti - «Ricerca e trasporti, mancano le idee»

Sì alla Valdastico ed al potenziamento della Valsugana, con 4 corsie. Queste le linee programmatiche del presidente della Provincia Maurizio Fugatti, presentate martedì in consiglio, che pare puntino tutto sulla mobilità su ruota, dimenticando il collegamento su rotaia dell'alta velocità ed il tunnel del Brennero. Non solo, pochi accenni anche ai provvedimenti sul lavoro e sull'innovazione indispensabile per riuscire ad essere concorrenziali con le altre realtà economiche.
S. Mattei, "Corriere del Trentino", 29 novembre 2018

continua...


Il taglio delle tasse è rimasto una promessa

Flat tax al 15 per cento, diceva uno. Riduzione dell’Irpef, rispondeva l’altro. Deduzione fino a 10 mila euro. Via le accise sulla benzina. Tassa al 15 per cento anche per le imprese. Riduzione di cuneo fiscale e Irap per le Pmi. Via il bollo auto. Abolizione delle imposte di successione. Sterilizzazione dell’Iva. E via dicendo.
Lorenzo Borga, "Il Foglio", 26 novembre 2018

continua...