economia e lavoro pagina 26

#FestivalEconomia - RENZI: «L’austerità ha fallito. Battaglia in Europa»

«L’austerità ha fallito» e a settembre, «quando avremo finito di fare le riforme», l'Italia inizierà «con una determinazione che non immaginate» una battaglia contro il rigore. Non dico che andremo a fare casino, ma ci si avvicina». Dal Festival dell’economia di Trento il premier Matteo Renzi promette lotta dura e l’inizio di una stagione nuova. Lo ha fatto ieri pomeriggio - in un confronto moderato dalla giornalista Lilli Gruber - forte dell’alleanza con il primo ministro francese Manuel Valls, suo alleato in questa scommessa contro il fronte di chi a Bruxelles e nelle capitali europee «continua a pensare che bastino gli aggiustamenti di budget» per cambiare marcia.
C. bert, "Trentino", 31 maggio 2015

continua...


Incentivi alle imprese: d’ora in poi si potranno dedurre dalle imposte

Nella giornata di ieri la Giunta, su mia proposta, ha approvato i nuovi criteri per l’attuazione del cosiddetto credito d’imposta, introdotto dall’art. 17 della finanziaria 2015 (legge provinciale n. 14/2014).
Alessandro Olivi, 19 maggio 2015

continua...


Delrio: "Difesa del suolo, risorse da Roma"

Il Responsabile per le Infrastrutture ha incontrato il governatore Rossi, il vice Olivi e l'assessore Gilmozzi a margine dell'inaugurazione della nuova sede dell'Itas. Elogio dell' "autonomia responsabile" del Trentino che "guarda al suo territorio ma anche all'Italia, perché se il successo non è dell'Italia è di poco respiro".
L. Patruno, "L'Adige", 29 aprile 2015

continua...


"Chi investe all'ex Whirlpool decide il valore dell'affitto"

Nel bando si chiedono 250 occupati e 25 milioni di risorse per la produzione. La Provincia darà l'impianto in usufrutto o locazione in base alla miglior cifra offerta. Olivi: "Anziché chiedere alle imprese di fare uno sforzo per comprare il contenitore, abbiamo deciso di esigere investimenti industriali e occupazionali".
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 21 aprile 2015
Leggi l'articolo in pdf!

continua...


C'è il boom delle assunzioni. Da inizio 2015 sono 1518 in più (+12%) grazie agli incentivi

Boom di contratti a tempo indeterminato: +35, 9%, ma crescono anche a tempo indeterminato e apprendistato. Aumentano le assunzioni in Trentino e non solo quelle a tempo indeterminato incentivate dagli sgravi fiscali del governo (8 mila euro all’anno per ogni nuovo assunto fino a 36 mesi). Segnali incoraggianti arrivano dai dati sul mercato del lavoro, presentati ieri dall’assessore al lavoro Alessandro Olivi nel corso della conferenza stampa post giunta. Non si tratta dell’effetto Jobs act, visto che le nuove regole sul mercato del lavoro - con il superamento dell’articolo 18 e il nuovo contratto a tutele crescenti - sono entrate in vigore da marzo.
SCARICA IL FILE CON I DATI
C. Bert, "Trentino", 21 aprile 2015

continua...


Investimenti, sconto fiscale triplicato

Il credito di imposta triplica per gli investimenti su cui già è possibile. E allarga la platea degli interventi sostenibili, applicandosi per la prima volta anche alla ricerca e innovazione delle piccole imprese. La novità, approvata in via informale dalla giunta nell'ultima seduta con una pre-delibera, dovrebbe ora diventare realtà a metà maggio, ma con effetti retroattivi. Gli investimenti fatti dal primo gennaio di quest'anno, infatti, e fino alla fine del 2015 saranno coperti dalle nuove regole.
"L'Adige", 17 aprile 2015

continua...


Un cambiamento radicale: meno burocrazia, risorse certe e subito per favorire la nascita di nuove imprese

Approvato oggi dalla Giunta provinciale un progetto che ha come obbiettivi la semplificazione, un coordinamento delle politiche pubbliche e un sostegno economico diretto per le nuove aziende. Uno sportello unico in capo a Trentino Sviluppo a cui potrà rivolgersi chiunque abbia un’idea o un progetto di nuova impresa.
Alessandro Olivi, 13 aprile 2015

continua...


L'articolo 18 è un retaggio del passato

Due mesi fa, alla vigilia di Natale un intero gruppo parlamentare vestito a lutto per il requiem all'articolo 18, come fosse il requiem per i diritti dei lavoratori, per la Repubblica fondata sul lavoro, per la civiltà stessa del lavoro. Nessuno, invece, che si si sia mai vestito a lutto per un sistema nel quale chi non dispone di una rete familiare, amicale o professionale che lo aiuti nel mercato del lavoro è destinato alla disoccupazione; 
Pietro Ichino, "Trentino", 2 marzo 2015

continua...