economia e lavoro pagina 19

Mariani a Rovereto: 50 nuovi assunti

ROVERETO - La Mariani rimarrà in Trentino. Dalla val di Ledro si sposterà all'ex Gallox di Rovereto dove sorgerà il nuovo stabilimento produttivo dell'azienda leader nella meccanica di precisione. La Mariani Spa, che fa capo al gruppo industriale bresciano Omr, dopo aver annunciato la scelta di lasciare definitivamente la sede ledrense, sembrava destinata a tornarsene a Brescia. Ma così non è stato. L'altra notte, grazie all'«operazione blitz» condotta dal vicepresidente Alessandro Olivi assieme a Trentino Sviluppo, è stato raggiunto l'accordo che porterà l'insediamento della Mariani in zona industriale a Rovereto. 
"L'Adige", 14 novembre 2015

continua...


Boom di nuovi imprenditori, oltre 400 domande di incentivo

 Nei primi due mesi del bando di Trentino Sviluppo dedicato alla nuova imprenditorialità sono arrivate oltre 400 domande di costituzione di nuove imprese. «Sono domande per aprire aziende nel settore commerciale, turistico, come i bed & breakfast, ma anche nell'information technology e nell'artigianato di servizio - spiega il vicepresidente della Provincia Alessandro - L'età media è piuttosto bassa».
F. Terreri, "L'Adige", 11 novembre 2015

continua...


Dopo Expo: colpaccio per la «Mach»

Dice, Sara Ferrari, assessora all'università e alla ricerca, che è «una stupenda occasione». Per la Fondazione Edmund Mach (FEM), ma per l'intero sistema della ricerca trentino. La «stupenda occasione» è l'annunciata partecipazione della «Mach» ad Human Technopole, Italy 2040, il progetto che il presidente del Consiglio Matteo Renzi presenterà oggi a Milano per il dopo Expo.
D. Sartori, "L'Adige", 10 novembre 2015

continua...


Fondo di solidarietà territoriale: obiettivo condiviso con le parti sociali

Provincia e parti sociali ed economiche condividono i punti salienti della manovra di bilancio 2016, unitamente all'obiettivo di costituire il Fondo di Solidarietà trentino. E' quanto prevede il nuovo Protocollo d'intesa sottoscritto questa mattina dal presidente Ugo Rossi e dal vicepresidente Alessandro Olivi con i rappresentanti dei sindacati e delle associazioni imprenditoriali, nel quale sono previste una serie di misure a sostegno delle imprese e dello sviluppo delwelfare territoriale.
da laVocedelTrentino.it, 9 novembre 2015

continua...


Irap, tagli per altri 10 milioni di euro

La giunta provinciale è pronta a modificare l'aliquota ordinaria Irap per il 2016, riducendola dall'aliquota statale, che è del 3,9% a un più modesto 2,68 (si sta valutando anche il 2,65 ) come Bolzano, che era l'aliquota pensata per i soggetti che mantengono l'occupazione. Questo comporterà per la Provincia un ulteriore minor gettito di 10 milioni di euro rispetto ai 197 milioni di euro di agevolazioni fiscali calcolate per le imprese (compreso quanto previsto dal governo Renzi) nel 2016.
L. Patruno, "L'Adige", 7 novembre 2015

continua...


L’assessore Olivi alza la voce contro la Malgara

«Imprenditori che non pagano gli stipendi e le spettanze economiche dovute ai lavoratori non meritano domicilio in questa comunità». Quando la misura è colma, anche il vicepresidente della Provincia Alessandro Olivi (con titolarità anche sull’assessorato allo sviluppo e lavoro) perde la pazienza. E, penna alla mano, decide di mettere i puntini sulle “i”.
N. Filippi, "Trentino", 7 novembre 2015

continua...


"Manifatturiero cruciale. E' il tempo di crederci"

TRENTO «Da alcuni anni in Trentino soffia un vento anti-manifatturiero ma io credo sia sbagliato, perché si è sempre trattato di un punto di riferimento per il nostro territorio, dove abbiamo creato un sistema complementare in cui se va in crisi un settore anche gli altri prima o poi ne risentono». Quello di Bruno Dorigatti è un invito a non abbassare la guardia e a non sottovalutare il ruolo svolto da ogni comparto all’interno del sistema economico locale. §
A. Rossi Tonon, "L'Adige", 5 novembre 2015

continua...


Progettone, dopo 25 anni tempo di svolta. Il Ministro Poletti: "Siete un modello"

Ha accompagnato alla pensione oltre 4 mila persone. Ha assicurato un reddito e dignità a donne e uomini che, avanti con l’età, avevano scarse opportunità di reimpiego. Ha funzionato da robusto ammortizzatore sociale ed anche, per le imprese, da implicito strumento di ristrutturazione. In 25 anni di attività il Progettone si è rivelato un’esperienza positiva.
R. Colletti, "Trentino", 4 novembre 2015

continua...