ambiente pagina 7

Delrio: "Difesa del suolo, risorse da Roma"

Il Responsabile per le Infrastrutture ha incontrato il governatore Rossi, il vice Olivi e l'assessore Gilmozzi a margine dell'inaugurazione della nuova sede dell'Itas. Elogio dell' "autonomia responsabile" del Trentino che "guarda al suo territorio ma anche all'Italia, perché se il successo non è dell'Italia è di poco respiro".
L. Patruno, "L'Adige", 29 aprile 2015

continua...


Caso Daniza - Pd e Upt duri. Robol: "Non si è stati all'altezza"

"Chiaro che non siamo stati all'altezza, ci voleva più cautela nel gestire la questione fin dall'inizio. Parlare di abbattimento ad agosto è stato un errore. Il danno di immagine e nella sostanza, con l'uccisione di mamma orsa, è stato gravissimo: non doveva accadere". 
L. Patruno, "L'Adige", 13 settembre 2014

continua...


Macroregione alpina per cambiare l'Europa

Se l'Europa cambia verso, con una nuova attenzione alla crescita, agli investimenti, alle politiche di sviluppo, come sollecitato dal premier Renzi all'ultimo Consiglio Europeo, ecco che la costruzione di una macroregione può essere una delle occasioni per rendere concreto questo cambiamento.
Vi è, infatti, un fermento e una volontà politica che si muove «dal basso» per un'Europa più vicina, a partire da un nuovo protagonismo dei territori.
Elisa Filippi, "L'Adige", 3 luglio 2014 

continua...


Candidati Pd in sella tra arte e ambiente

Una corsa in bici per unire simbolicamente l'offerta culturale di Trento e Rovereto, per focalizzare l'attenzione sull'ambiente e per promuovere la mobilità sostenibile. In piena campagna elettorale, il Pd ha deciso di incontrare i propri elettori all'aria aperta promuovendo un'iniziativa originale, incentrata sulla promozione del territorio e dei musei locali.
L. Basso, "L'Adige", 27 settembre 2013

continua...


Olivi: AMBIENTE e WELFARE, il Pd farà di più

Come capolista e coordinatore del programma elettorale del PD, desidero esprimere condivisione rispetto all’impianto generale del programma presentato ieri da Ugo Rossi. E’ un programma realistico, serio e, soprattutto, realizzabile. Nella fase che ci attende, caratterizzata da una significativa contrazione delle risorse, la sostenibilità finanziaria di ciò che si propone ai cittadini è di fondamentale importanza. Quasi una questione etica.

continua...


LAVORO E GREEN ECONOMY IN TRENTINO: nuove opportunità di crescita per i giovani e le imprese

Giovedì 12 settembre alle ore 20.45 presso la Sala ex Centro Civico a Povo (via Salé, 1), i Circoli di Povo e Villazzano del Partito Democratico del Trentino invitano la cittadinanza all'incontro dibattito sul tema "Lavoro e green economy in Trentino", che vede tra i relatori la partecipazione di esperti del mondo della ricerca e dell'innovazione, della pubblica amministrazione e delle piccole e medie imprese. Al centro del dibattito c'è il principale problema sociale dei nostri tempi, la mancanza di lavoro, che purtroppo incide in modo significativo anche su numerose famiglie trentine, sui giovani e i meno giovani.
 

continua...


Il Pd punta sull'ambiente con Zortea e Motter

Il Partito democratico è riuscito ad attirare verso di sè qualche volto significativo della società civile trentina che si è dichiarato pronto a candidarsi alle provinciali di ottobre. Tra le novità di cui ha discusso ieri la commissione elettorale del partito ci sono due nomi importanti sul fronte dell'attenzione all'ambiente ed espressione dei territori di montagna. C'è infatti quello di  Giacobbe Zortea, che è il presidente del Parco naturale di Paneveggio e vicesindaco di Siror nel Primiero e poi quello dell'ex presidente della Sat,  Piergiorgio Motter, la cui candidatura è emersa nelle Giudicarie, insieme a quella del vicesindaco di Storo,  Giusi Tonini, e dell'ex deputato  Luigi Olivieri.
"L'Adige", 1 settembre 2013

continua...


Il Trentino è pronto per un Assessorato all’industria e all’ambiente

SALUTO ALL'ASSEMBLEA DI CONFINDUSTRA - "Il piano di semplificazione in corso sta dando i primi risultati, ma ormai non si tratta soltanto di leggi da sfoltire e di controlli ossessivi da abolire, è soprattutto una questione di coraggio: meno potere ai «controlli-freno», più potere ai «controlli-impulso», anche attraverso forme di affiancamento delle imprese, spingendosi fino alla sperimentazione di formule di autodisciplina ed autocontrollo affidate alle parti sociali ed imprenditoriali."
Alessandro Olivi, 22 giugno 2013

continua...