Comunali pagina 3

#CIVEZZANO - Vince Stefano Dellai, tonfo della Lega, bene anche i Democratici con 5 consiglieri

CIVEZZANO - Stefano Dellai raddoppia. Secondo mandato da sindaco dall'alto delle 1.261 preferenze personali avute con le liste civiche «Cives» e «Insieme per Cives» (pari al 65,07%), nella corsa a tre che ha lasciato al secondo posto Adriano Dematté che di consensi ne ha contati 507 pari al 26,16%. Quest'ultimo, comunque, sia pure in minoranza, con il gruppo di «Civezzano democratica» sarà ben rappresentato con cinque eletti in consiglio comunale. 
U. Caldonazzi, "L'Adige", 17 novembre 2015
Scarica I RISULTATI

continua...


#ElezioniComunali - Domenica alle urne in dodici municipi

TRENTO Il Trentino torna a votare. Oltre undicimila elettori domenica saranno infatti chiamati a eleggere il sindaco e a rinnovare il consiglio in dodici Comuni, dieci dei quali lo scorso giugno non sono arrivati a fusione. Gli altri due sono Castelfondo, commissariato dopo che alle elezioni di maggio non si presentò alcun candidato a sindaco, e Fondo, affidato al commissario Maria Grazia Bressan perché in quella stessa tornata elettorale non si raggiunse il quorum per 25 schede. 
A. Rossi Tonon, "Corriere del Trentino", 13 novembre 2015

continua...


Il programma di Civezzano Democratica

CIVEZZANO Il candidato sindaco Adriano Demattè ha presentato il programma della lista “Civezzano Democratica” e i candidati che lo sostengono. «Abbiamo condiviso un progetto per dare al nostro Comune un futuro basato su principi di collaborazione, concretezza, affidabilità, onestà, imparzialità e trasparenza».
F. Valcanover, "Trentino", 7 novembre 2015
SCARICA il PIEGHEVOLE

continua...


#RAVINA - La rabbia del PD

Egregio Direttore,
la presentazione della lista PD in autonomia rispetto alla liste "Insieme per Ravina e Romagnano" è nata dalla volontà di prendere le distanze da un modo di fare politica subordinato alle ambizioni personali. L'elettorato ci ha premiato, accordandoci il maggior numero di voti di lista, anche se bisogna riconoscere che Maria Camilla Giuliani, capolista della Civica, ha ottenuto un importante risultato in termini di preferenze personali.
Roberto Menegaldo, Mara Baldo, Renata Forti, Fabio Lazzeri, Angelo Pecile - Circolo Pd Ravina Romagnano, "Corriere del Trentino", 19 giugno 2015
Leggi la lettera!

continua...


COMUNICATO STAMPA PD TRENTO: A Ravina il Patt con la Lega, fatto di estrema gravità

Lunedì 15 nel consiglio della Circoscrizione Ravina Romagnano il PATT ha scelto di rompere l’alleanza con il Partito Democratico e rivolgersi alla Lega, con un percorso che in quel territorio lo pone fuori dal progetto del centro sinistra autonomista costruito per la Città di Trento, allo stesso tempo assume la responsabilità di aver bruciato un'esperienza circoscrizionale seria e di lungo periodo.

continua...


#TRENTO, 7 circoscrizioni su 11 a guida PD

Ora manca solo il consiglio circoscrizionale di Ravina Romagnano, che si riunirà questa sera. Per il resto, i giochi per i presidenti e vicepresidenti sono conclusi, con questo risultato: Pd ha la presidenza in 7 circoscrizioni, nelle altre 4 il presidente è delle liste civiche, per lo più composte da Cantiere civico e Patt. Giovedì sera infatti si sono tenuti i consigli di nove circoscrizioni (a parte Mattarello e Villazzano, già svolti mercoledì) per eleggere i vertici delle circoscrizioni e per sostituire eventuali consiglieri che erano presenti su più liste o che sono entrati in consiglio comunale.

continua...


Assemblea provinciale 15.06.2015 - La RELAZIONE CONCLUSIVA DI GIULIA ROBOL

Carissimi tutti,
oggi un’assemblea molto attesa, molto importante sicuramente per me, mi auguro utile per tutti noi, per iniziare almeno qualche considerazione non solo sul risultato elettorale ma anche sulle sorti di questo nostro Pd che ha necessità assoluta di ritrovare slancio, vigore, voglia di costruire e di proporsi come progetto attrattivo, come interprete delle esigenze e dei bisogni della società.
Giulia Robol, 15 giugno 2015

continua...


"Nessun complotto contro Miorandi, ma servivano le primarie"

Robol: "La riflessione deve riguardare l'intero partito per il quale l'assenza del radicamento sul territorio è una realtà ormai da molto tempo e il problema non va cercato nell'incapacità di comunicare ma nei contenuti stessi. C'è bisogno di ragionare, di riflettere sulla direzione che il partito intende seguire, il problema non è l'organigramma. Se l'intenzione è quella di tenere il congresso in autunno allora bisogna partire subito. E a quel punto non serve più un segretario".
"Corriere del Trentino", 11 giugno 2015
Leggi l'articolo in pdf!

continua...