diritti pagina 7

GILMOZZI: «Omofobia, Pd responsabile. Ma non si può sempre sacrificare i diritti civili»

Bene il pragmatismo, ma attenzione alle conseguenze: «Non può passare il messaggio per cui quando si tratta di trovare accordi con le minoranze il Pd rinunci sempre in un senso». Ovvero quello dei diritti civili.
E. Ferro, "Corriere del Trentino", 14 giugno 2016

continua...


«Omofobia, i genitori aderiranno»

«Il no all’obbligatorietà va nel senso di un’alleanza fra scuola e famiglie. Sono certo che non ci saranno rifiuti, i genitori aderiranno alle proposte contro le discriminazioni. Quanto alla mediazione, sia io che il Pd abbiamo accettato di ridurre la nostra sensibilità. Il risultato è un accordo che ci ha fatto fare un passo avanti».
S. Voltolini, "Corriere del Trentino", 12 giugno 2016

continua...


La Camera ha approvato in via definitiva il ddl sulle Unioni civili

Il testo votato è lo stesso del Senato ed è frutto di importanti mediazioni ed equilibri tra istanze e sensibilità diverse. In particolare la legge introduce due importanti istituti: uno per le coppie dello stesso sesso che prevede una serie di diritti e doveri rilevanti e significativi, tra cui la reversibilità della pensione; uno per le coppie di fatto di sesso diverso che prevede la convivenza ed obblighi reciproci.
Michele Nicoletti, 13 maggio 2016

continua...


Mozione omofobia: quello che ho imparato

Approvata oggi dal Consiglio Provinciale la mozione per favorire misure di contrasto all’omofobia. Doveva essere legge, è invece mozione, ovvero impegno ad agire concreto e subito. Va bene. Vale la sostanza.
Mattia Civico, 10 maggio 2016

continua...


"Pronti a registrare le unioni civili"

Che si tratti di celebrare il matrimonio fra un uomo ed una donna o di registrare l'unione civile fra persone dello stesso sesso, per i sindaci del Trentino non c'è alcuna differenza: lo si fa e basta, perché la legge dello stato va rispettata al di là delle personali convinzioni.
M. Viganò, "L'Adige", 12 maggio 2016

continua...


Mozione anti-omofobia, sì dopo 4 anni

Passa con 21 voti in consiglio provinciale, i soli voti di maggioranza (astenuto Walter Kaswalder del Patt) e di Filippo Degasperi (M5S) la mozione per combattere contro le discriminazioni causate dall’orientamento sessuale. Le minoranze lasciano tutte l’aula al momento del voto, metà di loro (Lega, Forza Italia, Cia e Bottamedi) avevano già scelto l’Aventino accusando il resto dell’opposizione (le Civiche) di fare da stampella alla giunta Rossi.
C. Bert, "Trentino", 1 maggio 2016

continua...


Educazione di genere: al via il bando 2016/17 per percorsi educativi nelle scuole

Educazione alla relazione di genere e alla cultura delle pari opportunità fra uomini e donne: la Giunta provinciale, su proposta del presidente Ugo Rossi e dell'assessora Sara Ferrari, ha dato oggi il via libera al bando per l’offerta di appositi percorsi formativi nelle istituzioni scolastiche del Trentino, per l'anno 2016/2017, rivolti agli insegnanti, ai genitori, agli studenti delle scuole secondarie. 
Ufficio Stampa Provincia, 6 maggio 2016

continua...


Omofobia, mozione per aggirare l’ostruzionismo

La mozione è scivolata all’interno dell’ordine del giorno della prossima seduta di consiglio senza fare troppo rumore. È scaricabile dal sito del consiglio, ma nessuno in maggioranza ha pensato di darne notizia. Il motivo è semplice: il centrosinistra autonomista vuole aggirare l’ostruzionismo della minoranza sull’omofobia realizzando per via amministrativa quello che l’ostruzionismo non gli ha permesso di realizzare per via legislativa.
T. Scarpetta, "Corriere del Trentino", 5 maggio 2016

continua...