donne pagina 19

Allegria Pd, partito di donne

Pd come Partito democratico? Anche Partito donna: ne porta 4 su 9 in consiglio, due terzi dell'intera pattuglia femminile nei prossimi 5 anni in piazza Dante. E per tre quarti le democratiche sono nuove: oltre alla riconfermata (alla grande, è quarta in classifica battendo anche  Luca Zeni) Sara Ferrari, svetta  Donata Borgonovo Re seconda dopo il front-runner Olivi (più brillante del previsto, dopo il flop democratico delle primarie che hanno spalancato la strada a  Rossi) e fanno il salto dal Comune di Trento le fresche ex assessore Violetta Plotegher  e  Lucia Maestri, bruciando con una barca di preferenze a Trento città sia il rivano Pellegrini sia il rendenero Olivieri, rimasti confinati ai rispettivi bacini periferici e alle memorie di gloria.
P. Ghezzi, "L'Adige", 28 ottobre 2013

continua...


Latella: "Donne, fatevi sentire"

«Stiamo vivendo un momento unico nella storia: non vi è, infatti, salotto politico o dibattito televisivo in cui non sia richiesto il punto di vista femminile. Finalmente abbiamo peso nella nostra società, e la nostra voce viene ascoltata. È ora di farci sentire».Con queste parole, la giornalista televisiva Maria Latella, ieri a Trento per un convegno sul tema della presenza della donna in ambito politico, ha invitato le numerose candidate presenti all'incontro ad «emanciparsi dalle logiche di partito» e a «combattere per avere un ruolo nel cambiamento».
"L'Adige", 16 ottobre 2013

continua...


Le 12 donne del Pd: unite più forti

Si sono presentate ieri alla stampa, le dodici candidate donne del Partito Democratico alle elezioni provinciali, coadiuvate dalla veterana Margherita Cogo, consigliere provinciale uscente che si è definita la «rappresentante senior che cede il testimone alle future consigliere, che sono sicura saranno molte». 
G. Merlo, "Trentino", 10 ottobre 2013

continua...


Educare al rispetto delle donne

Oggi, mercoledì 9 ottobre, alle ore 20.45, presso la Sala circoscrizionale di Clarina (Trento), avrà luogo l’incontro pubblico “Educare al rispetto delle donne: Stop a violenza e discriminazioni Politiche per assicurare la possibilità di lavoro” al quale parteciperò come Capolista del Partito Democratico del Trentino alle elezioni provinciali del 27 ottobre insieme alle due donne candidate Monica Baggia e Violetta Plotegher.
Alessandro Olivi, 9 ottobre 2013

continua...


COMUNICATO STAMPA dell'Assemblea provinciale del Pd 5 luglio 2013

Comunicato dell’Assemblea provinciale del Partito Democratico del Trentino (1 luglio 2013) sull’ assunzione del “Codice di autoregolamentazione dei partiti e dei movimenti politici per un’equa rappresentanza di genere nelle liste” e di adesione al documento “Politica e Parità: la Democrazia che vogliamo”.

continua...


"Donne, dico no alle riserve indiane"

«Vorrei più donne in politica, sì, ma non con le riserve indiane. La doppia preferenza di genere è un modo per ghettizzare. Perché allora, per le stesse ragioni di rappresentanza, non riservare le quote per gli under 30? O per i gay?». Enrico Turra ha 22 anni, fa parte dell’assemblea provinciale del Pd ed è stato consigliere della Comunità del Primiero prima di dimettersi a fine maggio. A lui la proposta della doppia preferenza di genere - che tornerà in commissione a inizio luglio su proposta in primis di un’esponente del suo partito, Margherita Cogo - proprio non piace.
C. Bert, "Trentino", 17 giugno 2013

continua...


ROVERETO - Pd, direttivo nuovo: giovani e donne

Tanti giovani e tante donne nel nuovo direttivo cittadino del Partito democratico. L'assemblea di ieri pomeriggio, tre ore e mezzo di discussione alla presenza di 80 sostenitori, dei vertici provinciali del partito (il segretario Michele Nicoletti e il presidente Roberto Pinter) e degli operativi di maggior peso (il sindaco di Rovereto Andrea Miorandi e l'assessore provinciale all'Industria Alessandro Olivi) ha portato nella stanza dei bottoni del partito roveretano otto donne (di sui sette alla prima elezione) e dodici uomini.
"L'Adige", 26 maggio 2013

continua...


Al via la legislatura più giovane e con più donne della storia

È un Parlamento giovane e con più donne quello che si apre oggi con la prima seduta pubblica della XVII legislatura. L'età media delle due Camere si abbassa a 48 anni, sette anni in meno rispetto ai 55-56 anni di media della scorsa legislatura.

continua...