Rovereto pagina 9

#ROVERETO - Olivi sconfessa Valduga: sì al trasloco Iti

«Qui non si tratta di discutere di urbanistica o di allocazione delle strutture, ma di un progetto composto da tasselli che non si possono smontare» afferma perentorio l’assessore Olivi, promotore e sostenitore del Polo della meccatronica. «Se si vuole parlare di logistica è un argomento, ma non si può mettere in discussione la funzionalità del Polo perché significa non avere ben chiaro l’indirizzo strategico».
G. Rudari, "Trentino", 6 settembre 2015

continua...


#ROVERETO - Il Pd “boccia” Valduga: «Linea priva di visione»

ROVERETO Valduga dimentica il Museo Civico, lo Smart Lab, non cita il teatro Zandonai, non parla di turismo nè di integrazione degli stranieri, ma copia (alla lettera) Matteo Renzi. Il Pd è durissimo sulle linee programmatiche presentate dal sindaco Francesco Valduga, le definisce prive di visione ma soprattutto scova che un intero paragrafo del documento è stato copiato (parola per parola) dal programma di Matteo Renzi presentato per primarie del 2012.
M. Stinghen, "Trentino", 7 agosto 2015

continua...


#ROVERETO - Il Pd: «No alla Valdastico Difendiamo il territorio»

Prima Besenello, poi Caldonazzo, adesso Rovereto sud. Sembra il gioco delle tre carte, te la sposta di qua e di là e alla fine eccola spuntare da un'altra parte. «Ma il problema di fondo non è dover far uscire il tratto nord della Valdastico. Il problema è che quell'opera non s'ha da fare perché non ha senso. Da un punto di vista economico ma anche e soprattuto ambientale».
P. Liserre, "Trentino", 17 luglio 2015

continua...


#WeAreNext - Miorandi: «Occasione da non perdere»

ROVERETO A sorpresa, l’ex sindaco Andrea Miorandi esce allo scoperto sul festival “We are next”, dato per annullato dagli organizzatori. E non per una polemica con la nuova amministrazione, ma per tendere la mano al neosindaco. «Capisco le difficoltà di Valduga - dice Miorandi-, perché sono le stesse che ho dovuto affrontare all’inizio del mio mandato, senza un’esperienza alle spalle. Pensare di organizzare un altro evento richiede fatica ed è un compito difficile. Ma sono pronto a sedermi al tavolo con Valduga per fare comunque il festival, che è un’occasione straordinaria per Rovereto, e che altre città del Trentino si sono già fatte avanti per ospitare».
"Trentino", 10 luglio 2015

continua...


#ROVERETO - Circoscrizioni, il Pd ora lancia la sfida

Il Pd sulle circoscrizioni lancia la sfida alla maggioranza: «Chiediamo coerenza su questo punto di vista: questi organismi tornino allo spirito iniziale di volontariato abolendo sia il gettone di presenza che l’indennità del presidente che ricordiamo nell’ultima legislatura è stata pari a mille euro il mese».
"Trentino", 2 luglio 2015

continua...


#ROVERETO - Per il nuovo PD un triumvirato con Filippi, Gerola e Simoncelli

Questa sera alle 20 il circolo roveretano si ritrova all'Urban center in assemblea. Tra i punti in discussione il passo indietro del segretario cittadino Fabiano Lorandi che proporrà agli iscritti di affidare il partito a un triumvirato: Luisa Filippi, Fabrizio Gerola e Nicola Simoncelli. 
F. Franchi, "L'Adige", 17 giugno 2015

continua...


#ROVERETO - «Affidiamo il Pd ai più votati in lista»

Vicepresidente Olivi, che giudizio dà alle Comunali di Rovereto?
«Un risultato grave. Perché Miorandi e la sua squadra hanno lavorato bene, in uno sforzo reale per smuovere una città che era seduta, avvolta nella sua proverbiale pigrizia. Avevamo un sindaco giovane, un'immagine fresca e la coalizione politica, per quanto possa apparire oggi sgangherata, più ampia possibile. C'erano tutti i presupposti per un rilancio».
M. Pfaender, "L'Adige", 31 maggio 2015

continua...


"Centrosinistra, il Titanic affonda. Subito un congresso democratico"

"L'esito delle elezioni comunali non consente di rimandare ulteriormente il congresso, da cui il PD deve uscire con un progetto politico chiaro, che chiarisca le nostre idee su Autonomia, rapporti con Bolzano e con lo Stato, provvedimenti relativi all'economia e al lavoro". Urgente una pausa di riflessione della coalizione: "Rossi chiama a maggior disciplina, ma il problema è un altro: serve un progetto condiviso perché, se c'è quello, non ci sono problemi di disciplina. Dobbiamo vivere anche un po' di utopia, accanto alla dimensione istituzionale: è su queste basi che la politica può tornare a creare consenso. La coalizione invece si appassiona a discutere di contenitori".
A. Papayannidis, "Corriere del Trentino", 27 maggio 2015
Leggi l'articolo in pdf!

continua...