Circolo del Partito Democratico del Trentino della Valle di Ledro

 

Segretario dal 10/03/2011: Lilia Zecchini

email: zecchili@virgilio.it

 

 

 

Direttivo eletto il 10/03/2011: Bianca Gamba, Silvia Vescovi, Graziella Bonisolli, Elga Maroni, Franco Ferrari, Mario Pellegrini, Enrico Demadonna, Ettore Luraschi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- Pd: "Stop alle viarianti urbanistiche", "L'Adige", 1 novembre 2009

INCONTRI PUBBLICI E APPUNTAMENTI

- Venerdì 29 maggio incontro pubblico con A. Pacher dal tema 'Viabilità  e trasporti in Val di Ledro'

 ore 20.30 presso Sala Vigili del Fuoco- Pieve di Ledro

- Giovedì 7 maggio incontro pubblico con Marta Dalmaso sul tema 'Riforma della Scuola Trentina' 

presso Sala vigili del fuoco  ore 20:30 a Pieve di Ledro
L'incontro è organizzato dal circolo di Ledro.

 - 22 APRILE 2009 pubblicato il primo articolo di giornale elaborato dal direttivo 

"> DAL QUOTIDIANO 'L'ADIGE' 22.04.09

Cantieri aperti e strade chiuse.

 

Nelle ultime settimane, l’ inaspettata  chiusura della strada che da Molina porta a Pur, i lavori ancora in atto sul tratto  Pieve - Pur e il cantiere aperto con scorrimento del traffico a senso alterno sulla Statale lungo il lago, hanno  riacceso il dibattito attorno alla viabilità della Val di Ledro.

Il neo costituito direttivo del Pd della Val di Ledro,  eletto il 21 marzo  2009 dall’assemblea del Circolo Ledrense , già nei suoi  primi incontri, ha posto quindi l’ attenzione su questo tema.

Il Direttivo concorda circa la necessità di interventi di manutenzione e di messa in sicurezza della strada di Pur, ma critica le modalità con le quali tali interventi sono stati effettuati ,  la scarsa sensibilità dimostrata dalle Amministrazioni nei confronti di chi utilizza quella strada perché risiede a Pur o per chi nella zona “turistica” è ospite.
Infatti in questo delicato periodo di avvio turistico, la chiusura del tratto Molina – Pur senza preventiva informazione, ha creato non pochi disagi ad operatori turistici e residenti, tenendo conto che anche il tratto Pieve – Pur non è completamente sistemato ed in sicurezza.

Il Partito Democratico  Trentino crede che su temi importanti ci debba essere più  coinvolgimento dei cittadini attraverso  passaggi democratici come l’informazione e  la consultazione.

Discutibile anche il progetto relativo alla Statale nel tratto Pieve - Tiarno di Sopra, che prevede la costruzione di due enormi rotonde, una a Pieve e una subito dopo l’abitato  di Tiarno di Sopra, all’incrocio  fra la zona residenziale e quella artigianale.

Le due rotatorie,  utili per ridurre la velocità delle auto e per rendere il passaggio più scorrevole in prossimità di incroci, inserite nel piano della viabilità provinciale, che sono progettate con un diametro di circa 50 m pari ad un costo complessivo di 960.000 euro, ci appaiono di dimensioni sproporzionate al reale passaggio degli automezzi.

Siamo fermamente convinti, dicono i componenti il direttivo del PD,  che la Valle di Ledro e quindi la statale 240 non debba diventare corridoio di transito fra il Basso Sarca e la vicina provincia di Brescia; tuttavia ritengono primario trovare una soluzione alternativa alla viabilità nei punti critici e pericolosi, deviando il traffico dal paese di Molina, a garanzia della sicurezza dei pedoni e dei cittadini che abitano lungo l’asse stradale e intervenendo sulla strettoia di Biacesa.
Accanto alle problematiche legate alla viabilità emerge anche la questione del trasporto pubblico.

Un aspetto è stato affrontato in occasione dei lavori di ristrutturazione della scuola di Concei con il conseguente trasferimento degli alunni dalla scuola di Concei a quella di Molina, per l’anno scolastico 2009/2010. Considerati i diversi moduli orari dei due plessi, si rendeva necessaria una corsa supplementare, che avrebbe comportato oneri eccessivi per la Comunità. Ci sentiamo di condividere la scelta di aver provvisoriamente uniformato gli orari di inizio e fine lezione per i due plessi scolastici, modificando gli assetti organizzativi e didattici, perché sottende una chiara espressione di corresponsabilità pubblica.

Sul tema dei trasporti  il direttivo del PD della Val di Ledro non vuole lasciare cadere le sollecitazioni che sono arrivate dai Ledrensi su possibili migliorie da  introdurre con l’avvento del Comune di Ledro. La Valle è completamente sprovvista di un trasporto pubblico che consenta ai residenti di muoversi in modo agevole al suo interno.
E’ nostra intenzione rivolgere un sondaggio a tutti i nuclei familiari per conoscere le reali esigenze  legate agli  spostamenti  della popolazione all’interno della Valle; è in fase di studio il questionario che verrà prossimamente recapitato.  Siamo convinti che anche queste forme di dialogo possano tornare utili per dare risposte ai bisogni  dei cittadini  e diventare  in futuro uno strumento di partecipazione. ( assistiamo purtroppo ad una disaffezione generale alla partecipazione ).

In uno stile di coinvolgimento politico, riteniamo sia importante mantenere un rapporto costruttivo fra Locale e Provinciale, consapevoli di appartenere ad un sistema di equilibri politici, sociali ed economici. In quest’ottica si inserisce l’incontro pubblico programmato nel mese di maggio con il vice presidente della Giunta provinciale Alberto Pacher. Sarà un’ occasione per discutere ed approfondire temi che ci stanno a cuore! Il circolo del Pd Val di Ledro invita fin d’ora  a partecipare alla serata. Il circolo del Pd Val di Ledro invita fin d’ora  a partecipare alla serata.

- 21 marzo 2009 ASSEMBLEA COSTITUTIVA :Eletto il Segretario e il direttivo del circolo Ledrense.

    'E' il primo passo per dare corso a quel radicamento sul territorio che il Partito democratico trentino sta   portando avanti nella nostra provincia'.

SEGRETARIO: FRANCO FERRARI

DIRETTIVO:

LURASCHI
ETTORE BEZZECCA
GAMBA BIANCA BEZZECCA
BONISOLLI  GRAZIELLA PRE'
DEMADONNA ATTILIO MOLINA
PELLEGRINI MARIO MOLINA
ROSA NICOLA MOLINA
ZECCHINI LILIA MOLINA
VESCOVI BRUNO TIARNO DI SOPRA
RUSCONI MANFRIN LAMM JESSICA MOLINA
DI FANT VERONICA TIARNO DI SOTTO

valle-di-ledro