Trasporti: banco di prova del Trentino

Sarebbe bene che il dibattito politico in vista delle prossime elezioni provinciali riprendesse a concentrarsi decisamente sulle cose piuttosto che sulle persone, o sulle liste, pur importanti. E, nel nostro caso, le "cose" sono anzitutto la collocazione del Trentino in un' Europa sempre più differenziata.
Michele Nicoletti, "Trentino", 20 agosto 2013

Basta guardare tutti gli indicatori per rendersi conto che negli ultimi anni le differenze in termini di redditi, istruzione, lavoro, welfare, disuguaglianze sociali, rispetto dell'ambiente, qualità della vita si sono paurosamente accentuate al di ua e al di là delle Alpi, quel crinale che differenzia l'Europa franco-tedesca e settentrionale dalle Repubbliche dell'Olivo come Italia, Spagna, Portogallo, Grecia. Nonostante le difficoltà e grazie alle autonomie speciali la nostra Regione è riuscita ad essere un lembo di quell'Europa dentro il territorio italiano, ma ora si tratta di capire se questa scelta viene rinnovata e se dentro questa collocazione vogliamo essere protagonisti o subalterni.
Se vogliamo essere protagonisti è tempo di darsi una scossa. Nei prossimi anni si giocano partite decisive per le vie di comunicazione della nostra terra: rete ferroviaria, rete autostradale, rete aeroportuale.
Per una terra di attraversamento come la nostra le vie di comunicazione sono di grandissima importanza. Se non ce ne occupiamo noi, se ne occupano gli altri. Sulla rete ferroviaria la questione cruciale è rappresentata dal tunnel del Brennero e dalla realizzazione di un corridoio europeo che da Stoccolma va a Palermo.
Il tunnel è una delle grandi priorità europee e ora anche l'Austria e l'Italia si sono impegnate a fare seriamente la loro parte. Alcune settimane fa assieme al commissario europeo Pat Cox e ad alcuni parlamentari della regione abbiamo visitato il tunnel.
Si apre però per il Trentino una domanda fondamentale: che succede a Sud del tunnel? La risposta è ancora avvolta nella nebbia. Ma se un territorio vuole esser protagonista, se una classe politica vuole essere dirigente, deve prendere in mano le questioni e discutere con la propria comunità le vere questioni del futuro. Pat Cox ha insistito moltissimo sull'importanza del coinvolgimento delle comunità locali, sulla partecipazione popolare e ha dato la sua disponibilità a discutere e a incontrare nuovamente i rappresentanti dei territori.
Facciamolo e presto.
Le direttive europee in materia prescrivono l'obbligo di informare per tempo e in modo completo i cittadini e di coinvolgerli nei processi decisionali quando le opzioni sono realmente aperte. Sarebbe grave se queste direttive venissero da noi recepite all'italiana, anzichè all'europea: abbiamo visto ciò che è successo con la Torino-Lione al di qua e al di là delle Alpi. Il rapporto con le comunità locali è cruciale per la realizzazione di queste opere.
La nostra vocazione europeista ci spinge dunque a rafforzare i collegamenti internazionali - anche se non a scapito dei trasporti locali -, ma ciò deve accadere con il pieno e consapevole coinvolgimento dei cittadini. Sulla rete autostradale occorre ribadire l'impegno di tutti per una prosecuzione della gestione dell'A22 da parte di Autobrennero: è questa la convinzione di tutta la rappresentanza parlamentare del PD da Bolzano a Modena.
L'attuale gestione ha rappresentato un buon esempio di protagonismo delle comunità locali, attenzione ai territori, accantonamento di risorse per il trasporto pubblico, qualificata manutenzione delle strutture. Va proseguita. Al tempo stesso va ribadito il no al completamento della Valdastico.
Il Trentino è un pezzo di regione alpina, non è un prolungamento della pianura padana. In questo territorio non ha senso moltiplicare i collegamenti autostradali ma va fatto ogni sforzo per spostare il traffico dalla gomma alla rotaia.
Al ministro Lupi che spera che il 27 ottobre si crei un'amministrazione favorevole al completamento della Valdastico, il centrosinistra autonomista deve ribadire il no del Trentino. Contemporaneamente deve aprire un serio tavolo con la Valsugana e con il Veneto su tutte le questioni che abbiamo aperte. Tra queste c'è anche quella dell'aeroporto Catullo, strategico per il Trentino non solo per il turismo ma anche per chi deve muoversi per lavoro, studio, ricerca. Anche su questo vi è stata una forte convergenza dei deputati PD delle province interessate a favore di una gara internazionale per l'apertura a nuovi soci industriali nella volontà di qualificare sempre più lo scalo veronese.
Altre ipotesi sono aperte, ma è essenziale che la politica provinciale ne discuta pubblicamente e decida. Ho citato queste tre questioni di un lungo elenco possibile perché su questo il PD ha cominciato un lavoro di forte connessione interregionale sull'asse del Brennero - da Modena a Innsbruck - ben consapevole che quest'asse è per il Trentino di rilevanza strategica in tanti settori.
Questo lavoro si basa su una ben chiara volontà di collocazione del Trentino dentro la regione alpina, dentro un modello culturale e sociale fatto di autogoverno del territorio e delle vie di comunicazione, di convivenza tra diversi, di solidarietà sociale e amore per l'ambiente. È un lavoro del PD, ma è al servizio di tutta la coalizione di centrosinistra autonomista e di tutta la comunità trentina. Per questo sarebbe utile discuterne nelle prossime settimane.


inviato da Giovanna Covi il 25 agosto 2013 18:25
sì, per favore con le elezioni in vista, concentriamoci SOLO sulle cose per non sfinire gli elettori prima ancora che inizi la campagna elettorale! A proposito di trasporti, chiedo: è realistica l'ipotesi del tunnel sotto il colle di Tenna tra Caldonazzo e Pergine? Ne sento parlare solo in occasione di elezioni, quindi chiedo a chi ne sa di più di me se si tratta di una "cosa" o di una retorica. Grazie.
inviato da Marco il 24 agosto 2013 10:24
Si apprezzano tutti gli sforzi relativi alla materia dei trasporti, non vi é dubbio che le campagne elettorali servano almeno alla teoria, ma si dimentica di parlare del TPL, trasporto pubblico locale, devastato nella sua essenza proprio da quella politica che ora si pone alla nostra attenzione con promesse di effetti speciali! Negli ulti due anni si é assistito alla demolizione di una delle aziende, Trentino Trasporti, da anni ai vertici come qualità dei servizi Italia in cambio di consenso elettorale. Cari dirigenti del mio ex partito, non so cosa voterò in ottobre ma almeno non prenderete in giro gli elettori con promesse roboanti, occupatevi in primis a non fare danni, grazie!
inviato da Andrea Fabbro il 20 agosto 2013 15:13
"L'obbligo di informare per tempo e in modo completo i cittadini e di coinvolgerli nei processi decisionali quando le opzioni sono realmente aperte" nelle grosse opere è solo fumo negli occhi anche nella nostra provincia basti pensare alla TAV o TAC o come si voglia chiamarla. Il consiglio comunale di Lavis, sul cui territorio passa (interrata sbucando poi in loc. Sorni e che probabilmente distruggerà il territorio circostante) si era detto contrario... la notizia di poche settimane fa è che le ferrovie in accordo con la Pat inizierà lo scavo pilota...
il tuo nick name*
la tua email (non verrà pubblicata)*