Comunità di Valle e referendum - IL DOCUMENTO APPROVATO dall'Assemblea del Pd del Trentino il 27/02

Il 24 ottobre del 2010 gli elettori trentini, con l'eccezione della città di Trento, furono chiamati alle urne per eleggere le assemblee delle nuove Comunità di valle. Soltanto il 44,47% degli elettori parteciparono al voto, a fronte di centinaia di candidati e all'impegno di tutte le forze politiche.

Le ragioni di questa limitata partecipazione furono individuate nella scarsa conoscenza della nuova riforma istituzionale, nella consolidata tendenza all'astensionismo elettorale e nella crescente sfiducia verso la politica in generale.
Nel mese di aprile di quest'anno gli elettori saranno chiamati a partecipare alla consultazione referendaria promossa dalla Lega nord e avente per oggetto l'abrogazione delle Comunità appena insediate. Gli elettori che si erano appena recati alle urne per far nascere le Comunità di Valle ci dovrebbero tornare per decretarne la fine prematura o per ribadirne l'importanza e dunque la continuità. Anche gli elettori della città di Trento, che non erano stati chiamati alle urne nell'ottobre del 2010 , si troverebbero ad esprimersi su una istituzione che non possono conoscere essendo la stessa coincidente con il comune di Trento.

Non è mai accaduto che si traesse un bilancio a così breve termine dalla nascita di un ente e, infatti, l'obiettivo della Lega è di giocare in anticipo prima che i cittadini possano formarsi una opinione a riguardo, giocando sulla disinformazione e appellandosi alla riduzione dei costi della politica.

La scelta di un referendum abrogativo piuttosto che consultivo o propositivo, e l'assenza di una proposta alternativa, esprimono una volontà distruttiva.

Il referendum è quindi una iniziativa strumentale e sbagliata.

Ciò premesso il Partito Democratico del Trentino ribadisce:

1) la riforma istituzionale che ha creato le Comunità è una riforma importante per l'Autonomia e necessaria sia per superare un centralismo provinciale che impedisce la crescita responsabile e partecipata di tutta la Comunità provinciale, sia per riorganizzare l'esercizio della pubblica amministrazione e dei pubblici servizi contenendone i costi e migliorandone l'efficacia;

2) le Comunità di valle non sono i Comprensori e non rispondono solo ad una esigenza di gestione associata dei servizi e ad un contenimento dei costi che oggi sono elevati anche per la ridotta dimensione di tanti Comuni; le Comunità rispondono alla esigenza di autogoverno responsabile e partecipato per ambiti territoriali omogenei quali le valli ; è uno sguardo al futuro che ridistribuisce il potere della provincia e rende protagoniste le comunità locali:

3) la riforma va comunicata e condivisa sia attraverso la buona amministrazione che le Comunità devono esprimere, sia attraverso un'azione informativa e di confronto che deve vedere, accanto alla Provincia e agli amministratori, protagoniste le forze politiche della coalizione di centrosinistra autonomista, e questo a prescindere dal referendum;

4) il 2012 è un anno decisivo per l'attuazione della riforma e per la piena funzionalità delle Comunità: ci attendiamo scelte chiare da parte della Provincia , un maggior trasferimento di competenze provinciali , l'assegnazione delle risorse umane e finanziarie necessarie e un superamento dei conflitti tra enti locali;

5) la legge va valutata nella sua fase attuativa e migliorata laddove si riscontrano errori di impostazione,carenze e contraddizioni, in una logica evolutiva della riforma, ivi compresa la modifica della composizione e della elezione delle assemblee delle Comunità;

6) il PD chiede alla maggioranza uno sforzo straordinario per accelerare l'attuazione della riforma, pur con la flessibilità necessaria affinché si trovino le soluzioni migliori nella gestione associata dei servizi; chiede inoltre di valutare quegli aspetti della riforma che vanno modificati al fine non solo di superare la diffidenza nei confronti delle Comunità ma

 

soprattutto di vincere la sfida dell'autogoverno responsabile di ogni Comunità;

7) il referendum va inquadrato per quello che è, una consultazione sbagliata nei modi, nei tempi e nei contenuti; una iniziativa strumentale e distruttiva di un partito che dopo aver condiviso il governo Berlusconi semina mine sul terreno della ricostruzione del Paese e anche su quello della tenuta della Autonomia;

8) il Partito Democratico non difende l'esistente ma costruisce il futuro e per questo è impegnato nello sviluppo di una riforma importante per l'Autonomia, una riforma il cui futuro non dipenderà dalla consultazione referendaria bensì dalla condivisione che l'intera Comunità trentina saprà esprimere;

9) il PD e la coalizione di centrosinistra autonomista che governa il Trentino sostengono in modo unitario la Comunità di valle e dicono NO al referendum , un NO che proprio per la strumentalità e l'inopportunità della consultazione si può esprimere astenendosi dal voto, o scegliendo il NO alla abrogazione delle Comunità.


il tuo nick name*
la tua email (non verrà pubblicata)*